Dopo l'attesa, l'ufficialità: Alberto Cirio è il candidato di centrodestra in Regione

La decisione dopo un vertice ad Arcore

Alberto Cirio

Adesso è ufficiale. È Alberto Cirio di Forza Italia il candidato di centrodestra alla presidenza del Piemonte. L’intesa è stata siglata da Silvio Berlusconi, Giorgia Meloni e Matteo Salvini nel corso di un cordiale incontro ad Arcore e l'annuncio a Cirio è arrivato con una telefonata di Berlusconi. Dopo un "balletto" durato settimane che in alcuni momenti aveva anche visto la sua posizione a rischio, con i tentennamenti della Lega Nord che propendeva di più verso Paolo Damilano, finalmente è arrivata la conferma.

Alle elezioni del 26 maggio sarà Cirio a sfidare il presidente uscente Sergio Chiamparino e il candidato per il Movimento Cinque Stelle, Giorgio Bertola. E il benestare per Cirio arriva da numerosi esponenti di Forza Italia, da Mara Carfagna, vicepresidente della Camera, a Anna Maria Bernini, capogruppo di Forza Italia al Senato.

" Per arrivare ad oggi è stato necessario del tempo, è vero  - ha commentato Cirio - . Ma io vengo da una terra dove la natura, da secoli, insegna agli uomini che bisogna saper aspettare. Che ogni cosa va lasciata maturare. I nostri vini pregiati riposano al buio per mesi, anni. Ma quando finalmente vedono la luce, basta loro un istante per esprimere il meglio. E per comprendere che ogni giorno di quell’attesa ne è valsa la pena. Amo la mia Regione. Questo, per me, è un onore. E adesso si corre, con le scarpe da ginnastica ai piedi. Perché il Piemonte ha bisogno di energia. Ha bisogno di un’altra velocità".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terribile schianto nel sottopasso, ma è la scena della fiction con Raoul Bova

  • Maxi-tamponamento in tangenziale: coinvolti cinque veicoli, traffico paralizzato

  • Scossa serale di terremoto: avvertita dalla popolazione, ma nessun danno

  • Scontro auto-ambulanza: una persona è morta

  • Scontro tra camion e moto, morto il centauro

  • Incendio in una carrozzeria, dipendente ustionato: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento