Incontro Salvini-Appendino, la sindaca: “Entro l’inverno sgomberata seconda palazzina Moi"

Primo intervento ad agosto, PD e FDI fanno notare che la prima palazzina è già stata rioccupata

Immagine di repertorio

Dopo il primo sgombero avvenuto ad inizio agosto, Chiara Appendino promette che entro l’inverno verrà liberata anche la seconda palazzina del Moi. Lo ha annunciato oggi, mercoledì 3 ottobre, a Roma a seguito dell’incontro con il Ministro dell'Interno Matteo Salvini, al quale erano presenti anche il Prefetto di Torino, Renato Saccone, l'Assessora al welfare della Città di Torino, Sonia Schellino e il Presidente della Compagnia di San Paolo, Francesco Profumo.

“Il modello Torino, grazie al quale abbiamo già liberato la prima palazzina, si conferma essere valido e avrà il sostegno politico ed economico del Governo” assicura Appendino.

“Le operazioni sulle palazzine continueranno infatti ad essere portate avanti insieme ad azioni volte a tutelare la dignità degli occupanti, garantendo percorsi di inserimento volti - nel rispetto delle regole - a portare le persone coinvolte a un'autonomia economica con la quale possano accedere a soluzioni abitative regolari” ha concluso la sindaca ringraziando il Ministero dell'Interno e tutte le realtà che stanno collaborando “a superare una situazione che, sin dal 2013, costringe gli occupanti e il quartiere a vivere in un contesto di inciviltà”.

Fregolent (Pd): "Da Salvini e Appendino solo parole, niente fatti"

“Invece di continuare a fare annunci Salvini venga in Parlamento a rispondere sui fallimenti suoi e della sindaca Appendino sull’evacuazione della Palazzine Ex Moi di Torino, rioccupata alcune settimane fa pochi giorni dopo lo sgombero”: è quanto dichiara la deputata Pd Silvia Fregolent, che sul tema ha presentato numerose interrogazioni al Ministro dell’Interno senza avere però alcun riscontro.

L’intervento di agosto nelle palazzine, salutato come un successo da Matteo Salvini e dal sindaco di Torino Chiara Appendino, si è infatti rivelato presto flop clamoroso: uno spot mediatico dove oltre 600 agenti hanno accompagnato fuori dalle loro abitazioni poche famiglie. Nuclei familiari tranquilli quindi, pacifici e già censiti (che avevano comunque da tempo intrapreso un confronto con le istituzioni per essere trasferiti in altra abitazione) sono stati sostituiti da nuovi individui di cui non si conoscono le generalità. Tutto questo in un contesto ancora problematico e pericoloso per l’ordine pubblico che vede la stabile occupazione delle altre tre palazzine dove sono stati registrati peraltro la maggior parte degli episodi di violenza, vandalismo e microcriminalità.

 Montaruli-Marrone (FDI): “Nel frattempo cantine nuovamente occupate”  

 “Confidiamo nel Ministro Salvini, che sappia far sgombrare le palazzine ex Moi. Peccato però che nell’attesa i locali degli scantinati, già una volta liberati, siano stati nuovamente occupati. Non possiamo assistere da qua a Natale di vedere le palazzine come vasi comunicanti dove andati via da una parte se ne rioccupano di nuove. Vogliamo garanzie sul fatto che gli sgombrati non tornino a bivaccare trasformando intere aree della città in latrine. L’area dell’ex Moi merita una riqualificazione strutturata e reale.” Commenta Augusta Montaruli parlamentare di FDI. Lo sgombero “soft” firmato Appendino è un fallimento su tutta la linea, con spazi liberati per finta e milioni di euro regalati davvero alle solite cooperative del business immigrazione. Salvini accetta davvero di ispirarsi a questo modello a livello nazionale?” conclude Maurizio Marrone dirigente nazionale di FDI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento