Estate 2019, la quarta stagione più calda degli ultimi 62 anni: dati e curiosità

27 giugno 2019 il giorno più caldo in Piemonte, il 15 luglio quello più piovoso e più freddo

Immagine di repertorio

In Piemonte l’estate 2019 ha avuto un’anomalia termica positiva di circa 2.1°C rispetto alla media del periodo 1971-2000 ed è risultata la quarta stagione estiva più calda nella distribuzione storica degli ultimi 62 anni.

Spicca l’eccezionale ondata di calore dei giorni 26-29 giugno 2019 nel corso della quale il 46% dei termometri della rete Arpa Piemonte ha registrato il primato assoluto di temperatura massima e il 27 giugno 2019 ha avuto la più elevata temperatura sul Piemonte (21.2 °C di temperatura minima, 27.2 °C di media e 33.3 °C di massima) dal 1958 ad oggi, superando il record dell’11 agosto 2003.

In questa giornata 102 termometri (percentuale del 37% del totale dei sensori termometrici) hanno registrato il record assoluto di temperatura più elevata. Per la prima volta nella storia della rete ARPA Piemonte (attiva dalla fine degli anni 80) sono stati superati i 40 °C nel mese di giugno in 6 stazioni: Govone (CN), Verolengo (TO), Isola Sant’Antonio (AL), Alessandria Lobbi, Sezzadio (AL) e San Damiano Borbore in provincia di Asti che ha registrato il valore più elevato con 40.6°C.

Dal punto di vista pluviometrico le precipitazioni sono state sostanzialmente in linea con il valore climatico degli anni 1971-2000, con 234.8 mm medi ed un lieve deficit di 5 mm. Si sono comunque verificati diversi eventi temporaleschi localmente intensi, in particolare nei mesi di luglio ed agosto.

14-16 luglio 2019: i giorni più freddi e piovosi dell’estate

 Il 14 luglio 2019 una circolazione depressionaria è scesa velocemente verso sud portandosi a nordovest dell’arco alpino nella notte. In Piemonte i rovesci e temporali si sono manifestati nella seconda parte della giornata ed hanno interessato sostanzialmente tutto il territorio piemontese; il pluviometro di Caldirola (AL) ha registrato i valori più alti con 45 mm/h e 56.6 mm/3h. Nella mattinata del 15 luglio tutto il Piemonte è stato interessato da precipitazioni mediamente moderati o forti con locali picchi intensi; il Cuneese ha registrato i valori più elevati con 68.8 mm/3h a Robilante Vermenagna e 89.2 mm/6h a Barge. Nel pomeriggio le precipitazioni sono cessate su buona parte del territorio regionale ad eccezione del settore sudoccidentale; infine in serata i fenomeni precipitativi si sono ovunque esauriti. I picchi massimi in 12 e 24 si sono verificati ancora a Robilante Vermenagna con 128.2 e 154. 8 mm rispettivamente e rappresentano anche i valori più elevati per la stagione estiva; inoltre 7 pluviometri (tra cui Torino via della Consolata) hanno superato la soglia dei 100 mm/12h mentre 23 sensori pluviometrici hanno registrato più di 100 mm/24h. 33 stazioni termometriche della rete ARPA Piemonte (pari all’11% del totale) hanno stabilito il primato di precipitazione in 24 ore per la stagione estiva. Con 41.3 mm di precipitazione media sul territorio regionale il 15 luglio è stato il giorno più piovoso dell’estate e dei primi 8 mesi dell’anno 2019. La bassa pressione di matrice nordeuropea ha anche causato un calo termico; il 15 luglio è stato il giorno mediamente più freddo dell’estate 2019 con 13.5 °C di temperatura media; il calo termico ha permesso il ritorno delle nevicate a circa 2000 m di quota sulle Alpi piemontesi.

24-25 luglio 2019: la seconda ondata di calore più forte della stagione

Tra il 24 ed il 25 Luglio 2019 l’Europa centrale è stata interessata da un promontorio anticiclonico di matrice africana al cui interno si è strutturata un’area di alta pressione con massimi barici sull’Italia centro-settentrionale nella giornata del 25 luglio. Considerando il Piemonte in generale, il 25 luglio è stato il giorno mediamente più caldo del mese con 24.5 °C di temperatura media mentre il 24 luglio con 29.3 °C ha avuto le temperature massime più elevate. Sulle località pianeggianti il picco del caldo è stato raggiunto il 25 luglio con una media di 33.9 °C dei valori massimi. È risultata la seconda ondata di calore più forte della stagione estiva dopo quella di fine giugno anche se non sono stati raggiunti valori da primato.

Precipitazioni

In Piemonte nell’estate 2019 le precipitazioni sono state sostanzialmente in linea con il valore climatico degli anni 1971-2000, con 234.8 mm medi ed un lieve deficit di 5 mm. Il contributo più rilevante è stato dato dal mese di luglio con 104 mm ed un surplus precipitativo mensile del 71% mentre giugno ed agosto hanno registrato, rispettivamente, 60.6 e 70.2 mm con anomalie negative del 37% e 15%. I primati di precipitazione stagionale in 24 ore si sono verificati in 40 stazioni pluviometriche (pari al 14%) della rete ARPA Piemonte, in prevalenza nel giorno 15 luglio. Il giorno più piovoso è risultato il 15 luglio 2019 con 41.3 mm di precipitazione media sul territorio regionale; il picco pluviometrico mensile sull’intervallo orario è stato registrato a Lanzo (To) il 9 luglio, i massimi su 3 e 6 ore si sono verificati a Luserna San Giovanni (TO) il 22 agosto ed infine Robilante Vermenagna (CN) il 15 luglio ha avuto i valori puntualmente più elevati in 12 e 24 ore.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Sciopero di 24 ore del trasporto pubblico locale: a rischio i mezzi GTT

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento