Panni stesi in casa? Come asciugarli velocemente

I nostri consigli

immagine di repertorio

D'inverno, se non disponete di un'asciugatrice elettrica, siete costretti a stendere i panni in casa. Qui di seguito troverete alcuni consigli per avere un guardaroba profumato e asciutto, dopo che avrete fatto asciugare velocemente i vostri vestiti all'interno delle mura domestiche.

1) Stendete bene la biancheria

Per avere il guardaroba profumato ed asciutto anche d'inverno, stendete bene i panni sullo stendibiancheria. I vestiti devono essere disposti larghi tra di loro. In questo modo l'aria passerà senza ostacoli. L'ideale è stenderli in una stanza arieggiata e poco umida.

2) Fate una doppia centrifuga

Per ridurre al minimo la presenza di acqua potete scegliere di fare la doppia centrifuga. Però fate attenzione, la centrifuga può rovinare i vestiti, a maggior ragione se sono sottoposti doppio trattamento. Quindi meglio valutare il tessuto prima di procedere.

3) Usate il deumidificatore

Il deumidificatore assorbe l’umidità residua in pochi minuti. Posizionando lo stendibiancheria vicino ad esso, i vestiti si asciugheranno più in fretta. 

4) Usate fonti di calore

Termosifoni o stufe sono fonti di calore per eccellenza. Quindi per far asciugare i panni velocemente potete scegliere di posizionare lo stendibiancheria nelle loro vicinanze. Quelli particolarmente piccoli, come calze o slip, potete poggiarli direttamente sul termosifone. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Carne e pesce in cattivo stato di conservazione: denunciato titolare di un negozio

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento