In bici ai 120 km all'ora, il team dei ragazzi di Torino è il secondo al mondo

Il video

In bici a 126,90 km all'ora, senza nessun aiuto né motore: è questa la velocità massima e record italiano del Team POLICUMBENT, un team studentesco universitario che si occupa di bici reclinate a propulsione umana, quel particolare mezzo a pedali in cui il ciclista è quasi sdraiato e protetto da una capsula che rende quasi spaziale l'aspetto delle bici.

Da tre anni il Team Policumbent, con il pilota Andrea Gallo, partecipa a una competizione a livello mondiale di velocità nel deserto del Nevada, negli Stati Uniti: qui i ragazzi gareggiano portando i colori della bandiera italiana, oltre al simbolo della città di Torino, da cui deriva anche il nome dell'ultimo prototipo chiamato TAURUS. La squadra torinese si è classificata nel 2017 al 2° posto mondiale nella categoria università e per il 2018 punta alla vittoria.

Nel documentario realizzato dagli studenti del Politecnico, si può ammirare la velocità di questo mezzo, che con Gallo ha stabilito nel 2016 il record italiano di 126,90 chilometri orari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Clienti in coda davanti alla gelateria, scatta la multa. "Ma non posso fare il vigile"

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

Torna su
TorinoToday è in caricamento