Monopattini in sharing, poche le offerte da parte degli operatori

Le condizioni imposte dal Comune sono piuttosto restrittive

Con la partenza oggi, mercoledì 13 novembre, della sperimentazione della micromobilità elettrica, il prossimo passo per Torino sono i monopattini in sharing. Sarebbero solo sette al momento gli operatori interessati a gestire il servizio in città - che includerà anche bici a pedalata assistita e scooter elettrici - ma entro metà novembre si saprà realmente, in seguito alla pubblicazione del bando di ottobre, quali sono le offerte.

I requisiti richiesti 

Pare infatti che le condizioni poste dal Comune abbiano frenato un po' la corsa di eventuali operatori.

"Siamo stati piuttosto restrittivi - ha detto l'assessora alla Viabilità Maria Lapietra -: abbiamo chiesto l'assicurazione al mezzo e alla persona e questo probabilmente ha limitato un po' l'offerta, ma vogliamo andarci con i piedi di piombo".

I futuri gestori dello sharing dovranno sottoscrivere una polizza con massimali di almeno 5 milioni di euro per responsabilità civile verso terzi. Inoltre per garantire la rimozione dei mezzi posteggiati irregolarmente o abbandonati, i singoli operatori dovranno predisporre un servizio di call center, pronto intervento e controllo dei dispositivi, attivo 365 giorni l’anno e sull’intero arco della giornata, con personale pronto a rimuoverli o spostarli entro 24 ore dalla segnalazione.

Costi di recupero

A copertura degli eventuali costi di recupero dei mezzi abbandonati in caso di sospensione e abbandono dell’attività, ogni operatore dovrà poi produrre una fidejussione di 10 euro, nel caso di biciclette tradizionali, bicilette a pedalata assistita, monopattini e segway, e 20 euro, nel caso di scooter, per il numero di mezzi utilizzati. La città ha inoltre stabilito per ogni operatore un massimo di 500 mezzi che però potrà variare in base all'utilizzo.

La chiamata per gli operatori interessati sarà valida fino al 27 luglio 2021, termine della sperimentazione sulla circolazione dei monopattini e segway.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Lotto, centrate due quaterne nello stesso paese: valgono 240mila euro

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento