Sul tetto di un ristorante nasce un orto di 300 metri quadri

Nell'ex complesso industriale di via Foligno 14 nascerà il primo ortoalto che permetterà di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici

Partono oggi i lavori per la realizzazione dell'ortoalto sul tetto del ristorante Le Fonderie Ozanam, nell'ex complesso industriale di via Foligno 14, una collaborazione tra la start up di innovazione sociale OrtiAlti, ideatrice del progetto, le cooperative sociali MeetingService e Agridea e l’agenzia di comunicazione quattrolinee.

300 metri quadri di giardino pensile coltivato ad orto, che fornirà vegetali freschi al ristorante sottostante,diventerà un nuovo spazio di aggregazione e animazione per tutte leassociazioni del cortile e del quartiere, e aprirà nuove opportunità di lavoro per le cooperative sociali coinvolte.  Un primo tassello di riqualificazione e valorizzazione di un edificio di proprietà della Città di Torino, la ex stamperia di lamiere SIMBI, costruita nel 1938 dall’architetto bulgaro Nicolaj Diulgheroff, esempio di architettura “futurista” che oggi versa in stato di degrado, bene comune da preservare e curare.

L’ortoalto Le Fonderie Ozanam è l’intervento pilota con cui gli architetti Elena Carmagnani e Emanuela Saporito, fondatrici di OrtiAlti, sperimenteranno il loro modello di innovazione sociale. L'ortoalto,grazie alla tecnologia per il verde pensile che viene impiegata, permette infatti di migliorare le prestazioni energetiche degli edifici, abbassare leisole di colore urbano e favorire la biodiversità. Ma l'ortoalto è molto dipiù, perché favorisce la partecipazione delle comunitàdi abitanti nella sua cura e gestione, produce vegetali Km0 che possonoinnescare nuove micro-economie alla scala del quartiere e costruisce occasionidi inserimento lavorativo e di animazione dei nuovi spazi.

A un anno dal premio We-Women for Expo di Padiglione Italia che la startup si è aggiudicata con il progetto di imprenditoria femminile OrtiAlti, prende forma la prima realizzazione, che sarà completata nel mese di aprile e, apartire dalla primavera, diventerà la sede di un ricco calendario di attività per il quartiere. L’intervento è stato possibile grazie alla capacità di OrtiAlti di aggregare finanziatori e facilitare sinergie fruttuose tra istituzioni, imprese, cooperative sociali eassociazioni, che non solo lavoreranno insieme alla realizzazione dell’ortoalto ma, grazie al coordinamento di Elena ed Emanuela, co-progetteranno le attività di animazione dello spazio, con l’obiettivo sul lungo periodo di aprire sempre più il cortile di Casa Ozanam e l’ortoalto al quartiere e alla città. 

Ortoalto Le FonderieOzanam è un progetto autofinanziato e sostenuto da contributi offerti da soggetti privati (Fondazione Magnetto, Baghi srl, Imam Ambiente, Unipolsai, Harpo) che, a vario titolo, hanno supportato e sponsorizzato l’intervento per un totale di 100.000 euro. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento