"Umanità aumentata" la mostra al Circolo del Design

Droni e smart glass, il sistema di credito sociale da poco proposto dal governo cinese, le tecnologie di self-tracking come Fitbit, WikiLeaks e le conseguenze globali che ha causato: la grande quantità di informazioni sull’uomo di cui disponiamo oggi, tra big e small data, ci permette di tracciare come mai prima d’ora i contorni della nostra umanità, sia individuale che comunitaria, rendendola di fatto un’umanità potenziata, aumentata. Da questa premessa nasce Umanità Aumentata, la mostra collettiva prodotta dal Circolo del Design, a cura di Marco Ruffino e Wild Mazzini. data art gallery, in esposizione presso i locali del Circolo a Torino, in via San Francesco da Paola 17, dal 7 giugno al 20 settembre 2019.

Un percorso espositivo che raccoglie opere realizzate da designer e artisti attivi a livello internazionale e dedicate a temi che, a partire da dati e informazioni complesse, restituiscono uno spaccato dell’essere umano contemporaneo. Tra gli artisti presenti: Giorgia Lupi, progettista dell'informazione il cui lavoro adotta un approccio umanistico ai dati e recentemente entrata a far parte del team di Pentagram, Valentina D’Efilippo, designer a capo del team creativo di Signal Noise dell’Economist, Mario Klingemann, artista tedesco e residente a Google
Arts and Culture, noto per il suo lavoro che coinvolge reti neurali, codice e algoritmi, Adolfo Arranz, uno dei designer di infografica più rispettati al mondo che aiuta a gestire il dipartimento di infografica del South China Morning Post.

Attraverso lavori dell'information design - infografiche, visualization, ma anche rielaborazioni fotografiche e sonore - e opere d’arte che attraversano tempo e desideri, relazioni con l’altro, complotti tecno-economici e ancora violenza e sessualità, convivenza e corporeità, la mostra propone un’indagine sull’uomo, la sua condizione e le sue azioni, costantemente messi in discussione dalle stesse informazioni con cui ogni giorno entra in contatto. Il percorso è arricchito dall’installazione Oracolo infografico che invita il pubblico a rispondere alle sue domande. Le risposte non solo ne modificano l’aspetto, ma diventano trasposizione visiva dei comportamenti dell’uomo contemporaneo.

Attraverso l’atto partecipativo, l’installazione esplicita la riflessione alla base dell'esposizione, l'umanità aumentata dal dato, diventando essa stessa una grande infografica collettiva, capace di raccontarci qualcosa sulle relazioni umane.In questo quadro, la progettazione dell'informazione mette in luce lo spostamento dei confini della nostra umanità, intesa sia come genere umano sia come caratteristica essenziale degli individui. Così, mentre le tecnologie che abbiamo sviluppato tengono il conto di ogni nostro atto, ci sforziamo di ridisegnare il futuro, in costante mutamento all’aumentare delle prospettive di ciascun individuo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • “Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia”, la mostra alla Pinacoteca Agnelli

    • dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020
    • Pinacoteca Agnelli
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • "Wo | Man Ray. Le seduzioni della fotografia" a Camera

    • dal 17 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Camera

I più visti

  • “Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia”, la mostra alla Pinacoteca Agnelli

    • dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020
    • Pinacoteca Agnelli
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • Spettacoli teatrali per bambini alla Casa del Quartiere Barrito

    • Gratis
    • dal 16 novembre 2019 al 14 marzo 2020
    • Casa del Quartiere Barrito
  • "Wo | Man Ray. Le seduzioni della fotografia" a Camera

    • dal 17 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Camera
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento