"La passione di Giovanna D'Arco" di Dreyer a Palazzo Reale

Domani, venerdì 3 agosto, alle 22 nel Cortile d’Onore di Palazzo Reale a Torino, una serata speciale. Lo schermo s’accende per proiettare una pellicola più volte andata perduta, “La passione di Giovanna d’Arco”, firmata nel 1928 da Carl Theodor Dreyer, con Renée Falconetti, Michel Simon, Eugène Silvain, da molti considerato l'ultimo capolavoro del cinema muto.  Viene proposta nella versione originale - restaurata e senza censure - con didascalie interpretate dal vivo da Eleonora Giovanardi, attrice teatrale molto apprezzata dalla critica, nota al grande pubblico per essere stata la coprotagonista di due film popolari, “Quo vado?” e “Natale a Londra - Dio salvi la regina”. 

Al pianoforte - ad accompagnare, dal vivo, film e l’attrice - Stefano Maccagno, pianista e compositore ufficiale del Museo Nazionale del Cinema di Torino, mentre al sound design c’è Max Viale, candidato quest’anno ai David di Donatello per  il lavoro insieme ai Gatto Ciliegia su “Nico1988” di Susanna Nicchiarelli. La serata viene aperta dal saluto del consigliere regionale Gabriele Molinari, esponente dell'Ufficio di Presidenza di Palazzo Lascaris e membro della Commissione Cultura e Spettacolo del Consiglio Regionale del Piemonte.

Le vicissitudini del film

Il film fu proiettato, per la prima volta, il 21 aprile 1928 al Cinema Palads Teatret di Copenaghen: l'unica in cui verrà proposto nella  versione originale, non censurata. In Francia la distribuzione subisce ritardi e tagli, imposti dall'Arcivescovo di Parigi e dalla censura governativa. Dopo due proiezioni private, debutta il 25 ottobre 1928 al Cinema Marivaux di Parigi. Ma il 6 dicembre 1928 il negativo originale va perduto in un incendio.

Dreyer, allora, riesce a montare una nuova versione utilizzando scene alternative, ma anche questa pellicola va distrutta in un incendio del 1929. Per un quarantennio il film scompare. Poi circola una versione montata da Joseph-Marie Lo Duca, zeppa di modifiche. Altre copie, false, vengono proiettate. Fino al 1981 quando un impiegato dell'Istituto Psichiatrico Kikemark Sykehus, nei pressi di Oslo, trova in un armadio alcune pellicole. Vengono mandate al Norwegian Film Institute e sono esaminate solo tre anni dopo. Qui, la sorpresa: sono una copia del negativo originale con didascalie in danese andato perduto nell'incendio. La prima versione non censurata. Insieme alla pellicola, tutta la documentazione della censura. Harald Arnesen, il direttore dell'istituto, era un appassionato di storia del cinema e probabilmente aveva voluto mostrare il film ai pazienti, come dimostra l'usura della pellicola.

A Cinema a Palazzo Reale verrà mostrata questa versione. E’ presentata a 20 fotogrammi al secondo (invece di 24), con la stessa frequenza dei fotogrammi pensata da Dreyer.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Cinema, potrebbe interessarti

  • Torna "Cinema con bebè", la VI rassegna dedicata alle famiglie

    • dal 6 ottobre 2019 al 15 marzo 2020
    • Cinema Massimo
  • Giorno della Memoria, gli appuntamenti del Museo del Cinema al Massimo

    • da domani
    • dal 28 gennaio al 4 febbraio 2020
    • Cinema Massimo

I più visti

  • “Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia”, la mostra alla Pinacoteca Agnelli

    • dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020
    • Pinacoteca Agnelli
  • Carnevale a Carmagnola: tutti gli eventi

    • dal 19 al 25 febbraio 2020
  • Spettacoli teatrali per bambini alla Casa del Quartiere Barrito

    • Gratis
    • dal 16 novembre 2019 al 14 marzo 2020
    • Casa del Quartiere Barrito
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento