Ilya Maximov, un talento al pianoforte all'Accademia di Pinerolo

Ilya Maximov, giovane pianista che gode della benedizione di guru del pianismo internazionale come la grandissima Alicia de Larrocha, è il protagonista di una serata dedicata alla grandeur del pianoforte. Vincitore nel 2015 del prestigioso Concorso Internazionale Viotti di Vercelli, si presenta al pubblico con un programma ricco e impegnativo, da Prokof’ev a Rachmaninov. L’appuntamento è per martedì 28 novembre 2017 nella sala dell’Accademia di Musica di Pinerolo (viale Giolitti, 7), alle 20:30 per chi vuole anche approfondire tematiche relative ai brani eseguiti grazie alla Guida all’ascolto condotta da Santi La Rosa, o alle 21:00 per assistere direttamente al concerto.

Ilya Maximov è il protagonista di questa serata dedicata alla grandeur del pianoforte. Diplomatosi nel 2015 vincitore del prestigioso Concorso Internazionale Viotti di Vercelli, questo giovane pianista può già vantare nel suo curriculum importanti collaborazioni con musicisti di chiara fama e la benedizione di guru del pianismo internazionale, la grandissima Alicia de Larrocha su tutti. Stasera si presenta al pubblico con un programma ricco e impegnativo. Al centro del concerto, due autori, russi e pianisti, Prokof’ev e Rachmaninov, volti opposti ma complementari della stessa medaglia. Furono entrambi acclamati concertisti in tutto il mondo, ma la loro musica racconta due storie diverse.

Se quella di Rachmaninov è sempre legata all’estetica e all’etica romantica, attraverso il culto della melodia e dell’apparenza, alla ricerca di una pacifica convivenza tra espressività e virtuosismo, la musica di Prokof’ev non è sicuramente meno appariscente di quella del collega, ma ha al suo interno il germe del moderno, la scarnificazione della melodia e la ricerca di ritmi e armonie per raccontare un mondo, quello del XX secolo, che dal velluto del salotto si sposta verso il ferro delle fabbriche, che preferisce alla poesia d’amore, la satira e l’ironia. Ed in questo doppio, gli altri due autori, Chopin e Ravel, rappresentano i padri europei (francesi, in effetti), di questi diversi atteggiamenti. Al salotto nostalgico della polacca di Chopin, fanno eco gli uccelli tristi di Ravel. Il mondo è ormai là fuori.

 

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Algida & Friends” con special guest Benji e Fede al Pala Alpitour

    • 29 gennaio 2020
    • Pala Alpitour
  • La Grande Notte del Jazz torinese al Bunker

    • 31 gennaio 2020
    • Bunker
  • GioPizzi e Smuggler Brothers all'Off Topic

    • dal 29 al 30 gennaio 2020
    • Off Topic

I più visti

  • “Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia”, la mostra alla Pinacoteca Agnelli

    • dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020
    • Pinacoteca Agnelli
  • Carnevale a Carmagnola: tutti gli eventi

    • dal 19 al 25 febbraio 2020
  • Spettacoli teatrali per bambini alla Casa del Quartiere Barrito

    • Gratis
    • dal 16 novembre 2019 al 14 marzo 2020
    • Casa del Quartiere Barrito
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento