" Gulp! Goal! Ciak! Calcio e fumetti" allo Juventus Museum e al Museo del Cinema

Juventus e Museo Nazionale del Cinema, per la prima volta insieme nel realizzare una mostra, raccontano la storia del fumetto nel rapporto con il calcio e il cinema. Due grandi mostre, che dal 9 febbraio al 17 giugno 2019 saranno ospitate all’interno della Mole Antonelliana e dello Juventus Museum, con un unico curatore, Luca Raffaelli, uno dei massimi esperti italiani nel campo dei fumetti.

La mostra " Gulp! Goal! Ciak! Calcio e fumetti" allo Juventus Museum attraverso i materiali multimediali (fumetti, proiezioni e materiali esposti) offre un panorama del rapporto tra calcio e fumetto, un tuffo nelle pagine e nelle gesta dei loro eroi attraverso i quali la passione per il calcio è stata affrontata in tanti modi e stili differenti. Con il fumetto si può raccontare qualsiasi tipo di storia, che sia ambientata in mondi reali oppure fantastici. La mostra è nata pensando a come la storia della passione per il calcio è stata raccontata nel fumetto, e a come la ricchezza di spunti offerti da questo sport all’immaginario di tutti gli appassionati possa dare vita a un racconto unico, originale ed emozionante.

"Gulp! Goal! Ciak! Calcio e fumetti" è allestita nell’Aula del Tempio, cuore del Museo Nazionale del Cinema. Sfruttando il verticalismo antonelliano, la mostra mette in luce la potenza espressiva e comunicativa di una forma di racconto come quella dei fumetti e dei cartoni animati, grazie all’esposizione di materiali importanti quali tavole originali dei più famosi fumetti, proiezioni e postazioni interattive. La mostra parte dall’Aula del Tempio, cuore della Mole Antonelliana, per poi svilupparsi sulla rampa elicoidale, in un’alternanza di schermi e oggetti che accompagnano il visitatore alla scoperta dei rapporti tra cinema e fumetto, individuando peculiarità di due linguaggi nati sul finire dell’Ottocento che progressivamente tendono ad avvicinarsi.

Infatti, se la magia del fumetto sta in quello spazio bianco che divide una vignetta dall’altra, è il lettore a dover collegare narrativamente i diversi segmenti (le vignette) che creano la narrazione. Non a caso molti fumetti di qualche decennio fa usavano le didascalie per facilitare la lettura e spiegare quello che, in effetti, le immagini già raccontavano. Negli anni Sessanta e Settanta il fumetto si è evoluto grazie ad alcuni suoi grandi autori, limitando l’uso descrittivo delle didascalie. Questo passaggio è stato da molti indicato come un avvicinamento del fumetto al linguaggio cinematografico.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • "Steve McCurry. Leggere" a Palazzo Madama

    • dal 9 marzo al 1 luglio 2019
    • Palazzo Madama
  • "Claude Monet, The Immersive Experience", un viaggio nell'Impressionismo alla Palazzina di Stupinigi

    • dal 11 maggio al 8 settembre 2019
    • Palazzina di Caccia di Stupinigi
  • "Auto che passione!", la nuova mostra al Mauto

    • dal 29 marzo al 30 giugno 2019
    • MAUTO, Museo Nazionale dell’Automobile “Avv. Giovanni Agnelli” ,

I più visti

  • "Torino noir", un viaggio nell'anima oscura della città

    • dal 8 marzo al 31 dicembre 2019
    • Torino Noir
  • "Provincia Incantata", le visite guidate del 2019

    • dal 24 marzo al 13 ottobre 2019
  • Torino magica Tour: un itinerario che racconta il mistero della città

    • dal 7 marzo al 31 agosto 2019
    • Piazza Statuto
  • "Steve McCurry. Leggere" a Palazzo Madama

    • dal 9 marzo al 1 luglio 2019
    • Palazzo Madama
Torna su
TorinoToday è in caricamento