Nanni Moretti torna al Torino Film Festival: “Santiago, Italia” chiuderà la rassegna

Il TFF si svolgerà dal 23 novembre al 1 dicembre

C’è già attesa per la 36ma edizione del Torino Film Festival. Arrivano infatti le prime “chicche” per il piacere degli intenditori: a chiudere la rassegna, diretta da Emanuela Martini e in programma dal 23 novembre al 1 dicembre, sarà infatti "Santiago, Italia" di Nanni Moretti, direttore della rassegna cinematografica torinese nel 2007-2008. Il film-documentario racconta, attraverso le parole dei protagonisti e i materiali dell'epoca, i mesi successivi al colpo di stato dell'11 settembre 1973 che pose fine al governo democratico di Salvador Allende.

E si focalizza in particolare sul ruolo svolto dall'ambasciata italiana a Santiago, che diede rifugio a centinaia di oppositori del regime del generale Pinochet, consentendo poi loro di raggiungere l'Italia. Prodotto da Sacher Film, Le Pacte, Storyboard Media e Rai Cinema, il film uscirà al cinema giovedì 6 dicembre 2018 distribuito da Academy Two.  

Il Torino Film Festival, durante la scorsa edizione, incassò 250.000 euro confermando l’importanza della sua presenza all’interno del panorama dei festival cinematografici italiani. Con 63.000 persone, 101.642 posti disponibili e 26.700 biglietti venduti, il Tff ha confermato il suo successo tra pubblico e addetti ai lavori nonostante la riduzione del 20% del numero dei film e la diminuzione delle sale a disposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • "Da domani la strada sarà piena di veleno per i vostri cani" e i residenti insorgono sul web

  • Doppia scossa di terremoto a mezz'ora l'una dall'altra: avvertite dalla popolazione

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Scontro violento fra auto: i vigili del fuoco estraggono due ragazze dalle lamiere

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento