“Esco anch'io. No tu no”: l'ironia sulla Brexit dei torinesi iPesci

Ecco la parodia scherzosa del classico di Jannacci fatta dalla band "idiot pop" torinese sulle orme dei Righeira

Sul tema “Brexit”, ovvero l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea sancita dal referendum del 23 giugno che ha visto prevalere il “Leave” sul “Remain”, abbiamo tutti letto migliaia di opinioni, allarmanti o festanti a seconda dei punti di vista, editoriali, notizie e previsioni. Tutto o quasi all'insegna della massima serietà, come è normale che sia in una vicenda di tale portata internazionale.

Tra coloro che invece hanno preferito scherzare sull'argomento ci sono iPesci, band musicale di Torino che si definisce di genere “idiot pop”, lo stesso dei punti di riferimento Skiantos e Righeira (torinesi come iPesci).

Sulle note di “Vengo anch'io. No tu no” del mitico Enzo Jannacci, iPesci immaginano in una parodia che cosa potrebbe succedere se a uscire dall'Europa fosse anche l'Italia, o se ciascuno di noi alla fine riuscisse a rendere casa propria uno Stato autonomo... stando attenti al “guerrafondaio del terzo piano”.

Ecco il divertente video con la Brexit Song di iPesci (all'inizio e nel finale si vede una via di Torino, sapreste riconoscerla?)

Potrebbe interessarti

  • Pancia gonfia, cause e rimedi per combatterla

  • Ragnetti rossi, come eliminarli in modo naturale

  • Peperoncino: tutti i rimedi al bruciore

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Rimane appesa alla ringhiera del balcone poi cade nel vuoto: ragazza in gravi condizioni

  • Motociclisti morti: il ragazzo alla guida dell'auto che li ha travolti era ubriaco

  • Il re della pasticceria a Torino, Iginio Massari apre la sua "boutique"

  • Ronaldo apre le porte della sua villa e svela i suoi progetti: intervista tv con vista sulla Mole

  • Furgone-ariete sfonda la saracinesca del centro commerciale, poi i ladri fanno bottino pieno

Torna su
TorinoToday è in caricamento