Occit'Amo, Banda Briga al Rifugio Lago delle Rane

Continuano gli appuntamenti di Occit'Amo.  Le Valli Stura, Maira, Po-Bronda e Infernotto, la Pianura del Saluzzese, le Valli Varaita e Grana dal 4 luglio al 15 agosto 2019 (con una serie di appuntamenti in anteprima) sono pronte ad accogliere oltre 20 gruppi musicali provenienti da tutta Italia e Francia, scrittori e cantanti che fanno letteratura. Un focus su sonorità che vedranno rappresentate Provenza e Lengua Doc, visione plastica di un arco latino dove sono emigrate le nostre genti.

E venerdì 9 agosto alle 18, a Pian dell'Alpe, nel territorio di Usseaux, al Rifugio Lago delle Rane, c'è la Banda Briga, con Sergio Berardo e Roberto Avena. Una nuova proposta fuoriporta, una nuova proposta per incontrare un territorio occitano che va oltre le Vallate delle Terres del Monviso. Dopo la Val Susa eccoci nella bellissima Usseaux, in Valle Chisone. In scena, la storia di Briga lo violaire, la ghironda e le genti delle alte valli.

Briga aveva una ghironda, una grancassa sulla schiena che batteva con una mazza, dei piatti sopra la grancassa, dei sonagli sul cappello e alle caviglie. Suonava contemporaneamente tutti gli strumenti. Di Briga lo violaire si sono potuti ricostruire alcuni viaggi attraverso i "carnets de route" (raccolta di autorizzazioni rilasciate dai Comuni francesi nei quali si fermava a suonare). La lingua materna di Briga era l'occitano. Occit'amo Festival ne narra le gesta, ovviamente in musica. E lo fa con giovanissimi l’alfiere della musica occitana, Sergio Berardo.

Il suonatore di ghironda si inserisce nel filone dei mestieri ambulanti delle persone delle alte terre, migranti per necessità, alla ricerca di lavoro e storie da narrare. Genti assolutamente non stanziali, ma girovaghe, e il loro viaggiare ha fatto sì che la stessa musica occitana potesse essere oggetto di comunicazione, cambiamento, lasciandosi permeare da tempi e luoghi differenti.

*Briga, a discapito di ciò che si può pensare, camminò molto, allietò le notti di migliaia di persone, percorse l'intera Francia, oltre che le sue vallate, e visse davvero a lungo, sino ad 85 anni (1850 + 1935).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • "Musica e arte" a Caluso: concerti ed eventi nel periodo delle festività e non solo

    • dal 14 dicembre 2019 al 26 gennaio 2020
    • Varie location
  • Algida & Friends” con special guest Benji e Fede al Pala Alpitour

    • 29 gennaio 2020
    • Pala Alpitour
  • Big One, tributo ai Pink Floyd al Teatro Sociale di Pinerolo

    • 25 gennaio 2020
    • Teatro Sociale

I più visti

  • Pornografia della guerra al Molo di Lilith

    • solo domani
    • Gratis
    • 22 gennaio 2020
    • Molo di Lilith
  • “Hokusai Hiroshige Hasui. Viaggio nel Giappone che cambia”, la mostra alla Pinacoteca Agnelli

    • dal 19 ottobre 2019 al 16 febbraio 2020
    • Pinacoteca Agnelli
  • Sagra paesana di San Rocco a Grugliasco: bancarelle e antichi mestieri

    • 26 gennaio 2020
    • Centro cittadino
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento