Andrea Scanzi al Teatro Colosseo

Arriva il 14 maggio al teatro Colosseo "E pensare che c'era Giorgio Gaber", uno spettacolo per non dimenticare quell'artista eccezionale che era Giorgio Gaber. Il giornalista e scrittore Andrea Scanzi è pronto a portare in scena, tra narrazione e videoproiezioni rare, un Gaber per molti inedito, quello teatrale che ha avuto il coraggio di uscire dalla televisione per entrare nella storia insieme a Sandro Luperini e ai loro testi.

Gaberiano Doc, laureato con una tesi dedicata a Gaber, De André e ai cantautori di quella generazione, Scanzi farà conoscere al pubblico le canzoni e i monologhi, gli elementi di lucidità profetica, la forza, la provocazione, il coraggio e tutti quei elementi che fanno del duo Gaber-Luporini un riferimento attualissimo per personaggi della politica, dello spettacolo, della cultura e del nostro sociale quotidiano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • "La cena dei cretini" al Teatro Gioiello

    • dal 5 al 7 giugno 2020
    • Teatro Alfieri
  • “Dance beyond the limits", il progetto di inclusione sociale dell'Asd Ivan&Genny Dance School

    • dal 14 maggio al 31 dicembre 2020
    • ASD Ivan&Genny Dance School
  • "Uno sguardo dal ponte" al Teatro Carignano

    • dal 19 maggio al 7 giugno 2020
    • Teatro Carignano

I più visti

  • Visite animate e gratuite a Palazzo Cisterna: il calendario del 2020

    • Gratis
    • dal 18 gennaio al 19 dicembre 2020
    • Palazzo Cisterna
  • I grandi paraventi giapponesi in mostra al Mao

    • dal 30 luglio 2019 al 27 luglio 2020
    • MAO Museo d’Arte Orientale
  • Al via la Fase 2 con #VirtuallyMoncalieri

    • Gratis
    • dal 4 maggio al 4 giugno 2020
    • Facebook e Instagram de Gli amici del Castello di Moncalieri
  • A piedi o in bici sul Sentiero Ritrovato: si parte da Chiusa San Michele

    • dal 4 maggio al 30 novembre 2020
    • Borgata Bennale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento