Fabio Volo a Torino, l'autore incanta e diverte il pubblico alla presentazione del nuovo libro

La folla di fan si accalca all'ingresso di via Bogino 9, molte ore prima del suo arrivo. È un copione che si ripete in tutte le città italiane in cui fa tappa. Fabio Volo, classe 1972, è al suo decimo libro.

Al Circolo dei Lettori ha dialogato con il pubblico e i suoi fedelissimi fan dell'ultimo romanzo appena pubblicato da Mondadori: "Una gran voglia di vivere". Una produzione ormai molto ampia, anche se non si è certo dedicato soltanto alla scrittura.

Conosciuto soprattutto come conduttore radiofonico per il suo programma del mattino su Radio Deejay, ma anche per essere stato protagonista di svariati film (recentemente è la voce narrante di "Ailo") nonché autore e sceneggiatore.

Sul suo essere eclettico e non essersi mai fermato a fare una sola cosa nella vita, racconta con ironia ad un pubblico molto attento e partecipativo: "Non è detto che si debba scegliere di fare una cosa nella vita e farla per sempre. Quando mi dicono ma tu scrivi e non sei uno scrittore oppure fai il cinema ma non sei un attore, in realtà pensano di offendermi e io lo prendo come un complimento!".

Continua scherzando: "Non ho capito molto dalla vita ma quando qualcuno pensa di avere capito tutto, capisco che mi è andata di fortuna che non sono come lui".

Nel nuovo libro torna ad indagare sul rapporto di coppia, questa volta raccontando la fase più matura, quella che vede lui (Marco il protagonista) e lei (Anna) dover affrontare le tensioni e le crisi di una normale famiglia con un figlio.

A fare da sfondo vi è la narrazione di un lungo viaggio in Australia, durante il quale riemergono rancori e cose non dette ma allo stesso tempo c'è la voglia di riscoprirsi ed apprezzarsi.

Il testo è molto fluido, semplice, diretto quasi all'estremo. Si legge tutto d'un fiato, come molti dei suoi libri ed in questo aspetto risiede il grande pregio di Volo narratore, va diretto al cuore della gente che lo dimostra anche durante questi incontri pubblici, con dimostrazioni di affetto e approvazione.

Nel complesso il nuovo libro è un lavoro molto sincero che parla dei problemi e delle difficoltà che tutti noi troviamo nel nostro percorso di confronto con gli altri e fotografa con lucidità i rapporti di coppia nell'era contemporanea.

Uno dei quesiti che emergono, più inquietanti: "Come può essere che la persona che tu scegli, anche con grande entusiasmo, a un certo punto, con il tempo, con il vivere insieme, diventa così, quasi non la sopporti più"...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento