Settore dell'auto, il piano di rilancio degli industriali parte da Torino

L'ecotassa nel mirino

Un piano di rilancio per il settore automobilistico italiano. Da Torino, a margine di un summit al quale ha preso parte anche Fiat Chrysler Automobilies, i principali esponenti della filiera nazionale dell'auto chiedono al Governo, una politica industriale che salvaguardi il comparto. Si prevede infatti per il 2019 un andamento tutt'altro che positivo. Il -7,55% di inizio anno è un dato negativo ed è stato stimato che nei prossimi mesi si potrebbe verificare un'altra brusca frenata: difficilmente si arriverà ai 1,9 milioni di veicoli venduti.  

"Questo tavolo avvia una stagione di proposte della filiera dell'auto, di tutte le componenti, di tutte le associazioni - ha dichiarato il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia -. E' una reazione al bonus malus che danneggia 14 modelli italiani, ma è anche un'azione positiva. Abbiamo scelto simbolicamente Torino perché è la città dell'auto".

Boccia, dopo aver messo nel mirino l'ecotassa che il governo ha deciso partirà da marzo e che dovrebbe incentivare l'acquisto di auto ibride ed elettriche, ha annunciato, insieme al numero uno dell'Anfia, Paolo Scudieri e al presidente dell'Unione industriale di Torino, Dario Gallina, un piano di rilancio entro due mesi: "Chiederemo l'apertura di un confronto serrato - ha detto Boccia -. Il settore è strategico e richiede un'attenzione prioritaria che consenta di governare la transizione".

Un settore da salvaguardare

Quello automobilistico è un settore fondamentale per l'economia italiana. Proprio Scudieri ha ricordato qualche numero: 5.700 imprese, 100,4 miliardi di fatturato, pari al 6% del Pil, quasi 259.000 addetti (il 7,1% del settore manifatturiero), una spesa in ricerca e innovazione di 1,7 miliardi di euro l'anno, 74,4 miliardi di euro di gettito fiscale nel 2017. "Affrontare sfide così complesse in tempi così rapidi e in un contesto reso più incerto dal possibile rallentamento dell'economia - ha osservato - significa per le nostre imprese soccombere o reagire. Il settore deve contare su una politica industriale seria, a supporto dei livelli occupazionali che la riconversione rischia di colpire".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • tante belle parole e proposte ma il problema è che la gente ha le tasche vuote. date lavori con stipendi certi e a tempo indeterminato, cosi la gente ha un reddito fisso e la banca elargisce i finanziamenti. oggi la banca ti fa una pernacchia se vede una busta paga a tempo determinato. date i soldi alla gente e poi vi torneranno prima si semina e poi si raccoglie, questo ciclo è la natura della vita.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Sesso a pagamento nel circolo privato: scatta il sequestro, titolare multato e denunciato

  • Cronaca

    Malore in palestra: uomo muore in bagno dopo essersi allenato

  • Cronaca

    Manovre azzardate nell'area di servizio: fermato, era completamente ubriaco

  • Cronaca

    Scossa di terremoto questa mattina, tremano alcune case

I più letti della settimana

  • Vanno a far valutare un orologio e un braccialetto in un 'compro-oro', ma addosso sono pieni di gioielli rubati

  • Sparatoria dopo un litigio: un uomo è morto, un altro è ferito

  • Tragedia in stazione: donna investita e uccisa da un treno

  • Delirio in tangenziale: due incidenti nelle due direzioni, lunghe code, traffico in tilt

  • Tragedia in un condominio: si getta dal quarto piano e si schianta in strada

  • Travolto da un'auto mentre pedala in bici di sera: morto sul colpo

Torna su
TorinoToday è in caricamento