Romi, raggiunto l'accordo: salvi i lavoratori con 3 anni di Cigs

Non perderanno il proprio posto di lavoro i 140 dipendenti della ex Sandretto. L'accordo prevede tre anni di cassa integrazione in deroga e il trasferimento presso la sede di Pont Canavese, con soppressione di Grugliasco

Nella giornata di oggi sarebbe scaduta la cassa integrazione in deroga per i 140 dipendenti della Romi, la ex Sandretto. Una scadenza che avrebbe segnato un giorno nero per tutti i lavoratori, ma che invece si è trasformato in un nuovo inizio. Nella serata di ieri è stato infatti raggiunto un accordo tra i sindacati e la cordata di imprenditori interessati a rilevare l'azienda.

L'incontro all'Unione Industriale di via Fanti è stato fruttuoso. La Fiom ha riferito che l'accordo siglato prevede tre anni di cassa integrazione straordinaria, uno per crisi e due per riorganizzazione. Tutti i 140 posti di lavoro saranno così salvati, anche se a rimetterci sarà una sede, quella di Grugliasco, i cui dipendenti saranno trasferiti nella struttura di Pont Canavese.

Nei prossimi giorni gli imprenditori acquirenti dovrebbero infine raggiungere un'intesa con l'attuale società. "Siamo fiduciosi - il commento di Vittorio De Martino, segretario generale della Fiom Piemonte -. Si sta per chiudere bene sul piano occupazionale e produttivo una difficile vicenda".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Dramma nella notte: uomo travolto e ucciso da un'auto pirata

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Giornata mondiale della pizza: ecco dove mangiarla a Torino

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

Torna su
TorinoToday è in caricamento