160 lavoratori della ex Sandretto in piazza: il loro futuro è un punto di domanda

I lavoratori chiedono che si faccia chiarezza sul futuro dei due stabilimenti piemontesi. Temono che la proprietà, la multinazionale brasiliana Romi, non garantisca la continuità occupazionale e chiuda gli stabilimenti di Grugliasco e Pont Canavese

Si è svolta questa mattina a Torino la manifestazione dei 160 lavoratori della ex Sandretto in cassa integrazione da circa un anno e mezzo.

I lavoratori sono estremamente preoccupati. Temono che la proprietà, la multinazionale brasiliana Romi, non garantisca la continuità occupazionale e chiuda gli stabilimenti di Grugliasco e Pont Canavese. I manifestanti hanno sfilato in corso Vittorio, sotto lo studio legale che cura gli interessi della Romi.

"Avvocati dei brasiliani per 4 soldi non tradite gli italiani" è la scritta appesa sul portone del palazzo. I lavoratori chiedono che si faccia chiarezza sul futuro dei due stabilimenti piemontesi. (ANSA)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento