Mirafiori e Maserati, formalizzata la procedura di licenziamenti collettivi, incentivati e volontari

A Grugliasco la produzione è ferma da quasi un mese

Immagine di repertorio

E' stato formalizzato l’accordo che prevede la fuoriuscita di 1.050 lavoratori di Mirafiori e della Maserati. Dalla prossima settimana le persone che avranno i requisiti potranno iniziare ad uscire. A renderlo noto la Fiom-Cgil.

"Abbiamo deciso di sottoscrivere l’accordo per senso di responsabilità verso i lavoratori e i nostri iscritti che hanno i requisiti e vogliono accedere alla pensione - il segretario provinciale Edi Lazzi e il responsabile di Mirafiori Ugo Bolognesi -. Resta il fatto che così non è possibile andare avanti. Siamo di fronte a un ulteriore ridimensionamento della forza lavoro che non verrà sostituita con nuove assunzioni. Anche il piano industriale presentato non sarà sufficiente a saturare gli addetti che rimarranno. Servono nuovi investimenti, nuovi prodotti, per ridare vita allo storico stabilimento di Mirafiori che rimane sempre più vuoto e sottoutilizzato al limite della sua giustificazione economica. Evidenziamo anche che gli stabilimenti Maserati e Carrozzeria sono fermi da un mese".

La produzione alla Maserati di Grugliasco infatti, ferma da prima di Natale, ripartirà solo il 21 gennaio: con una settimana di ritardo rispetto a quanto previsto a dicembre dai dirigenti del gruppo italo americano. Prolungamento forzato della "vacanza" per i lavoratori dunque che verranno sottoposti ai consueti contratti di solidarietà. Lazzi e Bolognesi chiedono inoltre che venga fissata al più presto una nuova data dei consigli comunale e regionale aperti, saltati a dicembre per l’indisponibilità dell’azienda, auspicandola presenza del Governo nonché della proprietà, nella persona di John Elkann, affinchè "si possano capire le reali intenzioni sull’impegno produttivo a Torino".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Ma si... tanto mettiamo ecotassa sulle auto di grossa cilindrata (Maserati e Alfa appunto) e tanto c'è il reddito di cittadinanza... Che problemi ci sono. Il governo ha già risolto tutto... per mandarci alla rovina

  • .....sshhhh.... purtroppo fiat non ha piu nulla in mano in italia....ci sono i tedeschi di mezzo nelle progettazioni dei nuovi mezzi ibridi in fase di progettazione....maserati alfaromeo fiat sono in mano ad una multinazionale tedesca e alcuni progetti ad una francese....è la produzione metallica agli indiani.... cosa ci resta una idea un marchio...

  • Mentre tutti gli altri marchi sfornano nuovi modelli di auto a raffica la fiat pensa al ridimensionamento del personale. Che ci può anche stare se si considera la tecnologia pronta a sostituire gli operai (e non solo). Vorrei solo sapere come passano le otto ore tutti i giorni, tutti i mesi, ed ormai gli anni i progettisti ed i dirigenti di questa ormai "storica" fabbrica.

  • mafiat...e i sindacati?..sono i compari di merenda

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bustarella da 5mila euro per rilanciare il vecchio centro commerciale: arrestato imprenditore

  • Cronaca

    Scavi nella casa cercando il corpo di Samira, ma nessun ritrovamento

  • Incidenti stradali

    Tamponamento nel sottopasso. Caos e disagi: una bambina finisce in ospedale

  • Cronaca

    Problemi alla stufa a legna: coppia intossicata da monossido

I più letti della settimana

  • Ragazza di 15 anni si suicida nel parco: il suo corpo trovato impiccato a un albero

  • Tir sbanda ed esce dalla tangenziale rimanendo su un fianco: carico di carne si rovescia nel fosso

  • Rapina nel supermercato: banditi armati di pistola fuggono col bottino

  • La Dea Bendata "bussa" nella cittadina: vinti 2 milioni di euro con un "Gratta e vinci"

  • Intimidazioni e attentati, operazione contro la 'ndrangheta: 16 arresti

  • Manifestazione in centro città, variano il servizio alcune linee Gtt: i dettagli

Torna su
TorinoToday è in caricamento