Lear di Grugliasco: 465 esuberi, "Vogliamo la cassa in deroga"

All'incontro di oggi all'Unione Industriale di Torino ne seguirà un altro in Regione giovedì prossimo. Il sindacato respingerà i licenziamenti, puntando alla cassa integrazione in deroga a rotazione

L'azienda Lear di Grugliasco, produttrice di sedili per auto, ha denunciato un esubero 465 dipendenti su 580 una parte dei quali potrebbe andare in mobilità verso la pensione. Il problema è che l'età media dei lavoratori non è alta. A tal proposito il sindacato ha chiesto la cassa integrazione in deroga a rotazione. Oggi c'é stato un incontro all'Unione Industriale di Torino, mentre è fissata per la prossima settimana, giovedì, una riunione in Regione. "Respingiamo i licenziamenti - spiega Vittorio De Martino della Fiom - vogliamo dare sicurezza ai lavoratori assicurando la continuità degli ammortizzatori sociali. Aspettiamo che la Fiat decida cosa intende fare in carrozzeria perché c'é un indotto che aspetta". (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Sciopero mezzi pubblici venerdì 24 gennaio: i dettagli

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento