martedì, 02 settembre 21℃

Comunicato stampa

Alberto Goffi ospite di Maurizio Scandurra a "Il Punto"

Comunicato -  
Redazione 25 ottobre 2011

copertina libro Goffi-2Si preannuncia esplosiva la puntata di giovedì 27 ottobre de “Il Punto”, il talk show radiofonico condotto da Maurizio Scandurra con la partecipazione di Silvio Ceccarelli e i contributi del giornalista Mauro Tezzo in onda su Radio GRP, la prima radio del Piemonte, ogni lunedì e giovedì sera in diretta dalle 21.00 alle 23.00 sui 99.3 in FM, e interamente dedicato a temi di attualità, economica, politica, cultura e spettacolo.

Protagonista della trasmissione la querelle di pubblico dominio scatenatasi tra Alberto Goffi (www.albertogoffi.com), Consigliere Regionale del Piemonte per l’UDC nonché avvocato-simbolo della protesta nazionale anti-Equitalia, e la Società pubblica di Riscossione. Il 21 ottobre scorso, si legge in una nota diramata dal proprio Ufficio Relazioni Esterne, “Equitalia ha dato mandato ai legali di tutelare la propria immagine nelle sedi giudiziarie competenti, nei confronti di Alberto Goffi, autore del libro "E' Qui l'Italia”. E ancora: “Si intende procedere in quanto i riferimenti contenuti nel libro e gli attacchi cui è stata oggetto Equitalia (…) sono basati su presupposti privi di fondamento e inducono alla delegittimazione di chi ha il compito istituzionale di riscuotere le tasse”.

Secca la replica di Alberto Goffi: “Il Presidente di Equitalia, Attilio Befera, intende contrastare non solo un sacrosanto diritto democratico, ma un preciso dovere di un consigliere regionale che esercita il proprio mandato elettivo, difendendo i cittadini e denunciando le storture delle procedure di riscossione attivate dalla società pubblica Equitalia,Foto Alberto Goffi-2 riassunte nel libro “E’ Qui l’Italia?”, con gravi ripercussioni su imprese e famiglie". Per poi proseguire:"Sono grato, in ogni caso ad Attilio Befera per l’opportunità di poter illustrare dettagliatamente ai magistrati l’operato di Equitalia Nord, dei suoi incaricati e i suoi metodi di riscossione". Sul tema interviene anche Maurizio Scandurra, fra l’altro nella duplice veste di conduttore del programma e curatore del libro di Alberto Goffi. “In trasmissione manterrò piena imparzialità e obiettività di giudizio, come si conviene al mio ruolo di giornalista e nel rispetto della linea editoriale di Radio GRP che mira solo a fare una corretta informazione e non opinione”. Per poi concludere: “Nonostante le accuse mosse, “E’ Qui L’Italia?” è un libro ampiamente documentato, le cui fonti sono oggettive e ben espresse nel corso dell’intera narrazione e sempre evidentemente indicate nel testo, dunque facilmente accessibili e verificabili a chiunque. Non è questione di punti di vista qui, bensì di fatti reali e comprovati”.  

Scandurra informa inoltre di aver interpellato telefonicamente questa mattina, per via di un corretto bilanciamento di informazione, Angelo Coco -  Direttore Centrale Servizi Enti e Contribuenti di Equitalia Spa, cui spetta anche il compito di sviluppare le relazioni con enti centrali e periferici e le strategie di comunicazione e di relazione con i media - per chiedere la partecipazione, al momento negata, di un referente della Società Pubblica quale contraltare a Goffi: “Con cortesia mi è stato risposto – precisa il giornalista – che, stante le azioni legali intraprese da Equitalia nei confronti di Alberto Goffi, i legali della Società preferiscono mantenere la questione all’interno delle sedi cui si sono appellati per far valere le proprie ragioni. Spero possano cambiare idea, la porta è sempre aperta anche a loro”.  

Ospiti in studio oltre allo stesso Alberto Goffi, l’avv. Bruno Poy, professionista di comprovata esperienza in materia di diritto fiscale e tributario, il commercialista Domenico Carello e Rino Mele, cittadino alle prese con Equitalia. In collegamento telefonico anche Antonio Lubrano, autore fra l’altro della prefazione del libro di Goffi, Maurizio Zamparini, il vulcanico Presidente del Palermo che sul fronte Equitalia sta dando battaglia in prima persona, e numerosi casi di persone comuni che, versando in condizioni di oggettiva difficoltà economica, non riescono più a far fronte a cartelle esattoriali, tasse, balzelli e pressione fiscale in aumento.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Alberto Goffi