homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Fiat, Movimento 5 Stelle: "Un mare di parole senza alcun risultato"

Il Movimento di Beppe Grillo critica aspramente l'incontro pomeridiano di ieri a Palazzo Civico. In particolare credono che siano state sprecate tante parole e non si sia giunti ad una conclusione

I due consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, Vittorio Bertola e Chiara Appendino, non credono sia servito a molto l'incontro di ieri tra i sindacati, le istituzioni e una rappresentanza della Fiat a Palazzo Civico. In particolare i grillini criticano il non essere arrivati ad una conclusione, ma aver sprecato solo tante parole. "Il consiglio comunale "aperto" su Fiat si è dovuto svolgere in un palazzo blindato e si è concluso con un mare di parole, senza alcun risultato concreto e senza alcuna certezza per il futuro dei lavoratori torinesi. Fiat - continuano i consiglieri di Beppe Grillo - dovrebbe dare risposte su come intenda affrontare un cambiamento epocale, la crisi del modello di sviluppo degli ultimi cento anni; ma pare ancora non sapere quale prodotto possa tenere aperto Mirafiori per i prossimi venti mesi, figuriamoci per i prossimi vent'anni".

Il futuro dei lavoratori è la cosa che, ovviamente, preoccupa di più. "La conoscenza e la capacità sviluppata dai lavoratori e dai fornitori torinesi sarebbe un grande patrimonio per la competitività della Fiat, ma l'azienda deve cercare di valorizzarla anziché sminuirla. Se le cose stanno così, il futuro di operai ma anche impiegati, quadri e dirigenti torinesi non è roseo; lo stesso Fassino ha detto che "è ovvio" che dopo la fusione con Chrysler l'azienda abbia la testa già altrove. Se lo dice lui…"

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Giovanni
    Giovanni

    Lasciate lavorare Marchionne in Italia altrimenti le produzioni andranno altrove. Italiani  acquistate auto del gruppo FIAT Sindacati prima di far ostruzionismo al datore di lavoro pensateci bene , il posto di lavoro oggi è più importante  di tutto. Grazie Marchionne.

    • Avatar anonimo di Gerry Di Masi
      Gerry Di Masi

      E chi sarebbe che gli impedisce di lavorare? Lui lavora e bene al reparto traslochi, sveglia...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Paura per il figlio di Leonardo Bonucci: è stato operato d'urgenza

  • Incidenti stradali

    Corso Ferrucci, donna muore travolta da una motocicletta

  • Cronaca

    Vende voli per le vacanze ma lascia i passeggeri a terra, chiusa agenzia di viaggio

  • Cronaca

    San Salvario, rapina e minaccia i passanti con uno spiedo per polli

I più letti della settimana

  • Exor lascia Torino, la sede sarà trasferita in Olanda

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento