Embraco: ancora nessun accordo sul congelamento dei 500 licenziamenti

L'azienda ha proposto incentivi all'esodo volontario

Nessuna intesa al momento tra Embraco, sindacati e Regione Piemonte. L'incontro in programma giovedì 22 marzo negli uffici di piazza Castello, in occasione del quale si doveva confermare la sospensione fino a fine anno dei 500 licenziamenti nello stabilimento di Riva di Chieri, si è concluso con un nulla di fatto. A sorpresa infatti, l'azienda avrebbe messo sul tavolo la proposta di incentivi ai lavoratori per l'esodo volontario: 14 mensilità più 6000 euro per chi accetterebbe di lasciare il posto subito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una mossa che ha fatto ben capire quali siano sempre state le reali intenzioni dell'azienda: chiudere subito, senza perdere tempo. Ma Fiom e Uilm hanno detto no: l'ipotesi va comunque discussa con i lavoratori. Rifiutandosi di firmare il testo proposto dall'Embraco, i sindacati hanno sottolineato di aver intenzione di mantenere ben saldo l'obiettivo primario: la piena occupazione di tutti i dipendenti, così come siglato a Roma dall'accordo del 2 marzo con il Mise (Ministero dello Sviluppo Economico). Il prossimo appuntamento in Regione è previsto per martedì 27 marzo alle 13: per rispettare la procedura c'è tempo fino al 29 marzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

Torna su
TorinoToday è in caricamento