Giù il grattacielo Lancia, al via il nuovo quartiere. I comitati: "Opera rovinosa"

Nel quartiere San Paolo è iniziata la demolizione del vecchio grattacielo Lancia. Al suo posto nuovi palazzoni e un centro commerciale

E' iniziata l’opera di ristrutturazione del vecchio stabilimento Lancia, situato tra via Caraglio e via Monginevro (quartiere San Paolo), che libererà un’area di 56 mila metri quadrati per l’erezione di nuovi palazzoni e di un centro commerciale. A Torino, infatti, pare si sia diffusa la moda dei grattacieli: dopo l’inizio dei lavori per quello di Intesa-Sanpaolo e la presentazione di quello che ospiterà gli uffici della Regione, firmato Fuksas, anche nella storica area, che per decenni è stata occupata dalla fabbrica Lancia, sorgeranno presto due torri di venti piani.

Oltre a sette palazzi ed al “solito” centro commerciale che farà concorrenza agli altri due già presenti in zon. L’inizio dei lavori per il nuovo quartiere “Lancia 2” oltre che a creare i soliti, prevedibili disagi per residenti ed esercizi commerciali, ha riacceso le polemiche su un’opera che, da più parti, viene ritenuta “insostenibile”, se non “rovinosa”. Secondo il comitato spontaneo “Parco Lancia”, nato proprio per limitare gli effetti negativi del progetto, si va ad aumentare paurosamente la densità abitativa di un’area che è già a rischio di congestione, a fronte dell’insufficienza dei servizi primari presenti. Si calcola, infatti, che i nuovi palazzi potranno accogliere 600 persone, circa 1800 persone, in un territorio che registra l’affollamento delle scuole, degli asili e dell’ASL.
 
Senza mai ottenere una risposta positiva, i residenti ed il comitato hanno chiesto, in questi anni, nuove scuole, un asilo, alloggi per le fasce deboli, luoghi di incontro per i cittadini e di ridurre l’area edificabile da 56 a 14 mila mq. Anche perché -pur per chi non è esperto di mercato immobiliare- il progetto si presenta come un “affarone” per l’immobiliare che lo gestisce e l’impresa di costruzione, rispetto alle cifre richieste dal Comune per la concessione del terreno che “sanno” proprio di svendita. “Costruire almeno una scuola e dei giardini non avrebbe ridotto significativamente gli altissimi margini di guadagno dei promotori del progetto”, aggiungono con amarezza e rabbia quelli del comitato.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Avatar anonimo di Gerry Di Masi
    Gerry Di Masi

    La maggioranza guidata da Chiamparino, ad eccezione della sinistra radicale, si è sempre mostrata compatta, non ha voluto sentire ragioni, nemmeno quelle dei movimenti ambientalisti: del resto, per i prossimi decenni, a fronte del grave indebitamento che sta stritolando la Città, continuerà a valere la “scusa” delle esigenze di bilancio e probabilmente si “accoglieranno” sempre più opere di questo tipo. Cosa Vi aspettavate, anche con questi vale il detto "pecunia non olet"...

  • Avatar anonimo di DANI COMO
    DANI COMO

    Chiamparino il solito venduto ignorantone..quanta pena mi fa, lui, ma soprattutto chi vota quella presa per il culo che si chiama PD! AHAH!

  • Sono molto preoccupata per questa prospettiva, in un quartiere così popoloso e carente di verde pubblico. Vorrei che gli spazi liberati venissero destinati a parchi e verde pubblico, oltre che luoghi culturali e sociali come teatri, spazi espositivi e biblioteche. Mi piacerebbe sapere dove è possibile inoltrare le proteste e se ci sono iniziative in tal senso (es. raccolta firme) Maria Pia Ghilarducci

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Tenta di gettarsi nel fiume per evitare l'arresto: in casa, la droga era pure nella caffettiera

  • Incidenti stradali

    Giornata d'inferno in tangenziale: tre persone ferite, code e traffico in tilt

  • Cronaca

    Bomba carta per far esplodere l'auto della ex: ecco la "vendetta" dell'ultras del Toro

  • Sport

    Empoli-Torino in streaming e in TV: dove vedere la partita in diretta

I più letti della settimana

  • Scontro frontale tra auto e moto: il centauro è morto

  • Incendio in una carrozzeria: colonna di fumo nero si alza sulla città

  • Folgorato mentre ripara la macchina del caffè nel ristorante: morto

  • Suicidio negli uffici comunali: dipendente si getta dal terzo piano

  • Scomparso da venerdì: uomo trovato morto nel fiume

  • Prodotti mal conservati, chiusa la macelleria del Mercato Centrale

Torna su
TorinoToday è in caricamento