De Tomaso, per la nuova asta nessuna azienda si è fatta avanti

La brutta notizia per gli oltre 800 lavoratori della ditta automobilistica è stata data dall'assessore Pentenero. La scadenza del bando è fissata per il prossimo 28 aprile. Presentato un piano di ricollocamento sfruttando fondi europei e il Job Act

Lo stabilimento della De Tomaso

L’incubo per i lavoratori della De Tomaso non è ancora finito. Per il prossimo 28 aprile è stata indetta una nuova asta, dopo che la L3 Holding non ha pagato i 2 milioni e mezzo che si era impegnata a versare durante la prima asta. Le prospettive però non sono delle migliori e così questa mattina i lavoratori si sono ritrovati davanti alla sede dell'assessorato regionale al Lavoro per ottenere un incontro con l’amministrazione e avere qualche rassicurazione.

Rassicurazioni che però non sono arrivate: incontrando una delegazione di lavoratori e sindacalisti l'assessore Gianna Pentenero ha informato che per il momento nessuna azienda si è fatta avanti per partecipare al nuovo bando per la De Tomaso.

Oltre al futuro dell'azienda durante il presidio è stato sollevato il problema della ricollocazione dei lavoratori espulsi in questi anni di crisi del ciclo produttivo. E parlando di lavoratori l'assessore ha fatto sapere di aver presentato un piano per il ricollocamento degli oltre 800 lavoratori sfruttando i fondi europei e il Job Act del Governo Renzi che dovrebbe mettere a disposizione nuovi strumenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus a Torino: un quarantenne che è stato in contatto con i casi in Lombardia

  • Contagio Coronavirus, i casi a Torino adesso sono tre

  • Emergenza Coronavirus: chiuse due aziende e le scuole, montate tende da campo davanti agli ospedali

  • Tragedia nell'area servizio: automobilista si sente male e accosta, ma i soccorritori non riescono a salvarlo

  • Carne e pesce in cattivo stato di conservazione: denunciato titolare di un negozio

  • Paziente si lancia dalla finestra dell'ospedale: è gravissimo

Torna su
TorinoToday è in caricamento