Cassa integrazione: in Piemonte +21,6% tra dicembre e gennaio

Ma i numeri scendono nel confronto annuo

A gennaio la cassa integrazione in Piemonte aumenta rispetto al mese precedente ma scende nel confronto annuo. A dirlo è il primo rapporto del 2019 sulla cassa integrazione nella nostra regione. In Piemonte la richiesta di ore è stata di 1.128.120 ore, da dicembre 2018 in aumento del 21,6% (-12,6% ordinaria, +177,6% straordinaria, 0% deroga). Lo stesso dato che riguarda gennaio, a livello nazionale, è in crescita ma risulta decisamente inferiore.

Secondo i dati del Servizio politiche attive e passive del lavoro della Uil Nazionale, sono state richieste 15.156.683 ore di cassa integrazione, con un incremento dell’8,2% rispetto a dicembre. Destano preoccupazione anche i dati provinciali. La provincia torinese, con 731.576 ore, richieste si colloca al quarto posto tra le province più cassaintegrate d’Italia, dopo Genova, Roma e Frosinone.

Se la cassa integrazione aumenta a un mese di distanza, scende del 34,3% rispetto allo stesso periodo del 2018, quando in Italia la riduzione è stata del 12,3%. La variazione percentuale della cassa integrazione per settori produttivi, nel confronto tra gennaio 2019 e gennaio 2018, è stata la seguente: industria -38,8%, edilizia +126,1%, commercio -93,6%, per un totale di -34,3%.

"Per far ripartire il Paese - ha commentato Gianni Cortese, segretario generale Uil Piemonte -, siamo convinti che sia necessaria una riforma fiscale in grado di determinare maggiore equità e di ridurre la grave sproporzione nella suddivisione del carico fiscale, che vede oggi i redditi da lavoro dipendente e da pensioni, contribuire al gettito IRPEF per il 94,8%. E’ bene inoltre ribadire - conclude -, che lo sviluppo passa da investimenti in moderne reti di infrastrutture materiali e immateriali, in pilastri quali la sanità, i servizi sociali e l’istruzione, precondizioni indispensabili per determinare dinamiche positive, credibili e durature.”

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • a non interessa spacciare, desidero lavorare onestamente. se salvini, se pinco o un altro non mi interessa. importante che le favole siano raccontate ai bambini prima della nanna

  • Stia sereno signor stanco che adesso c'è salvini che rimanda a casa tutti gli africani così possiamo tornare a spacciare noi Italiani!

  • e poi ci raccontano la favoletta che tutto roseo, tutto procede a gonfie vele. tra un po' ci troveremo nelle medesime condizioni dei venezuelani.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Studente del 'Poli' colpito da tubercolosi: è morto in ospedale

  • Cronaca

    Alpinista precipita durante l'escursione: morto sul colpo

  • Cronaca

    Sgozzato al mercato del libero scambio: assassino condannato a 12 anni

  • Incidenti stradali

    Investita e uccisa da un tir: condannato il conducente, non avrebbe dovuto passare di lì

I più letti della settimana

  • Ragazza di 15 anni si suicida nel parco: il suo corpo trovato impiccato a un albero

  • Daniele è stato ritrovato: un telespettatore chiama la trasmissione televisiva

  • Tir sbanda ed esce dalla tangenziale rimanendo su un fianco: carico di carne si rovescia nel fosso

  • Rapina nel supermercato: banditi armati di pistola fuggono col bottino

  • La Dea Bendata "bussa" nella cittadina: vinti 2 milioni di euro con un "Gratta e vinci"

  • Accoltella il vicino di casa al culmine di una lite su questioni condominiali: arrestato

Torna su
TorinoToday è in caricamento