Stuprata da un carabiniere: per il militare condanna a sette anni e mezzo

La sentenza

immagine di repertorio

Un appuntato 39enne è stato condannato ieri, giovedì 9 novembre 2017, a sette anni e mezzo di reclusione per avere violentato, il 1 novembre 2013, una donna che si era presentata nella caserma di Mathi per denunciare le percosse del compagno (che poi invece è stato assolto per l'accaduto).

La violenza avvenne all'interno dell'appartamento della vittima, un'italiana che oggi ha 40 anni e ha problemi psicofisici. Il militare, infatti, si era offerto di accompagnarla dopo la sua deposizione. Secondo l'accusa, l'avrebbe minacciata di ulteriori botte se lei non avesse ceduto alle sue molestie e la costrinse a subire un rapporto sessuale.

Il collegio del tribunale di Ivrea, presieduto dal giudice Elena Stoppini, ha creduto alla storia della donna e ha inasprito di un anno la richiesta di pena del pm Ruggero Crupi, che si era fermata a sei anni e mezzo. A difendere l'imputato, che è stato trasferito, è l'avvocato Bartolomeo Pettiti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento