Se ne va a causa dei vicini molesti: il pm chiede condanna a 18 mesi per stalking

Un noto imprenditore che viveva nel quartiere Crocetta di Torino, è stato costretto a trasferirsi per non sopportare più le numerose e costanti angherie dei vicini

La Procura di Torino ha chiesto oggi una condanna a 18 mesi per stalking ad alcuni vicini molesti. Anni di dispetti, angherie e rumori insopportabili da parte di questi hanno infatti costretto, nel 2012, un imprenditore di una nota famiglia di industriali che viveva nello stesso stabile, nel quartiere della Crocetta, a trasferirsi.

Secondo gli inquirenti che hanno ricostruito la storia, i "cattivi" vicini - un medico e il figlio - avrebbero perseguitato per anni la famiglia dell'imprenditore al piano di sopra e gli inquilini che ancora risiedono al piano terra. Sono infatti diverse le querele presentate dalle vittime per danneggiamento, violenza privata e minacce, riunite poi dal pm Gianfranco Colace in un fascicolo per stalking.

Maleducazione e cattiverie che avrebbero portato l'imprenditore a decidere di trasferirsi e causato gravi stati d'ansia negli altri inquilini al piano terra. Tutte e due le famiglie sono parte civile nel procedimento. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Anche in tangenziale arrivano velox: ecco dove verranno posizionati

  • Tragedia in ospedale: neonata muore mezz'ora dopo la nascita

  • Fine corsa per il pirata della strada, la sua auto era in carrozzeria: arrestato

  • Neopatentato si schianta allo svincolo: distrutta l'auto potente del papà, lui aveva bevuto

  • Sciopero mezzi pubblici venerdì 24 gennaio: i dettagli

  • Incendio divampa nell'appartamento al nono piano, famiglia con bimbe piccole messa in salvo

Torna su
TorinoToday è in caricamento