Iniziativa GdF, vestiti sequestrati dalle vetrine di via Garibaldi donati ai bisognosi

Le Fiamme Gialle hanno consegnato oltre 4mila capi d'abbigliamento alla sede regionale della Croce Rossa

Il Comandante Regionale Piemonte della Guardia di Finanza, insieme ad ufficiali del Comando Provinciale Torino, ha consegnato al Presidente del Comitato piemontese della Croce Rossa, Antonino Calvano, quasi 4.000 capi sequestrati nel corso dell’operazione “Mohair” per la successiva distribuzione ai bisognosi.  

Il sequestro era scaturito a seguito della vendita, a prezzi inferiori rispetto a quelli mediamente praticati, di capi vari in filati pregiati, rilevata in un negozio della centralissima via Garibaldi a Torino e presso alcuni grossisti del centro commerciale di Settimo Torinese.

Le analisi chimiche effettuate dal Laboratorio Chimico dell’Agenzia delle Dogane di Milano e dal Laboratorio BuzziLab di Prato, avevano evidenziato che i capi anziché essere composti da filati come cashmere e mohair, erano in realtà realizzate con un filato contenente in prevalenza viscosa, polyammide. Le indagini avevano consentito di ricostruire le filiere produttive della merce illecite, portando all’individuazione di oltre trenta aziende operanti nel settore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Considerato che nei confronti di migliaia di articoli era possibile asportare la falsa etichettatura, le Fiamme Gialle hanno chiesto la possibilità di devolvere in beneficenza parte dei prodotti sequestrati. Il magistrato che ha coordinato le indagini, Dott. Alessandro Aghemo, ha accolto la richiesta e gli uomini della Guardia di Finanza hanno individuato nella Croce Rossa di Torino il destinatario della merce.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Allarme all'ora di pranzo: auto dei carabinieri finisce contro un negozio

  • Coronavirus: il Piemonte in controtendenza con l'Italia, i contagi scendono ma di poco

  • La parrucchiera che faceva i capelli nonostante dovesse rimanere chiusa: multa e chiusura

Torna su
TorinoToday è in caricamento