Un'ora di stipendio per i terremotati: proposta a 11mila dipendenti della Città della Salute

Analoga iniziativa di solidarietà per i 400 lavoratori dell'Atc per aiutare il Centro Italia

L'ospedale Molinette

Un'ora di stipendio per aiutare le popolazioni colpite dal terremoto nel centro Italia.

L'iniziativa, adottata oggi quasi in contemporanea tra le direzioni e i sindacati, verrà proposta ai dipendenti delle amministrazioni della Città della Salute (la più grande azienda sanitaria d'Europa con i suoi 11mila dipendenti) e dell'Atc Torino (400 dipendenti).

I lavoratori dovranno compilare un modulo con cui si dichiarerà d'accordo a donare il corrispettivo di un'ora, che verrà poi trattenuto dalle aziende nello stipendio successivo e donato alle fondazioni che si stanno occupando di raccogliere i fondi per i terremotati.

A partire da questo pomeriggio e nelle giornate di sabato e domenica, i volontari della Croce Rossa saranno presenti all'aeroporto Pertini di Torino Caselle per raccogliere le donazioni dei passeggeri e di chiunque desideri offrire direttamente il proprio contributo.

La Sagat Spa parteciperà inoltre con una donazione di 100mila euro e tutti i dipendenti del gruppo potranno contribuire servendosi del conto che l'azienda ha appositamente aperto per integrare le donazioni raccolte in aerostazione.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

Torna su
TorinoToday è in caricamento