Falso addetto di luce, acqua e gas commette truffe in trasferta: finisce ai domiciliari

Complice in carcere

immagine di repertorio

Un marocchino 31enne residente a Ivrea è finito agli arresti domiciliari, all'inizio di novembre 2018, su provvedimento del giudice per le indagini preliminari di Firenze Sara Farini per una serie di furti e truffe ai danni di anziani commessi con un complice italiano di 61 anni residente nel capoluogo toscano, finito invece in carcere.

I due erano soliti presentarsi alle proprie vittime come falsi addetti di società di servizi di acqua e luce, simulando controlli al contatore o agli impianti. Nelle abitazioni venivano rubati soldi e preziosi dopo avere distratto con qualche pretesto, anche solo parlando, i proprietari. Una vittima del raggiro ha 92 anni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le Indagini sono state condotte dalla squadra mobile di Firenze e coordinate dal pm Sandro Cutrignelli. Sono state svolte anche con l'applicazione di un rilevatore gps sulla moto di uno degli indagati, che sono accusati a vario titolo di furto e violazione di domicilio. Solo il marocchino deve rispondere anche di truffa. Gli episodi ricostruiti nell'indagini vanno da fine 2017 al 2018. Decisivi anche i riconoscimenti dei malviventi da parte delle vittime e di altri testimoni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • Cirio firma l'ordinanza: "Da lunedì i supermercati potranno vendere cancelleria"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Coronavirus, Piemonte ai vertici per incremento di posti in terapia intensiva

  • Annuncia di volersi suicidare: ripescato il suo corpo nel fiume

Torna su
TorinoToday è in caricamento