Sit-in contro l’omofobia, Fassino davanti a Palazzo Civico: “Continueremo a batterci”

Il sindaco, insieme al Torino Pride, per manifestare il dolore della città di fronte al massacro di Orlando

La città si è riunita davanti a Palazzo Civico per manifestare contro l'omofobia. La Mole è diventata arcobaleno e nella serata di lunedì il sit-in in piazza ha ribadito l’indignazione di fronte al massacro al Pulse di Orlando, in Florida, che ha provocato 49 morti e numerosi feriti.

"Sentiamo il dovere e la responsabilità perché ogni donna e ogni uomo abbia il diritto a coltivare la propria affettività nella libertà e non c'è ragione politica, etica o di Stati che lo possa impedire" ha detto Fassino. Sul palco anche il coordinatore del Torino Pride, Alessandro Battaglia che ha sottolineato come cioè che è accaduto a Orlando "è una strage che poteva accadere ovunque perché i seminatori di odio sono ovunque”. 

Alla manifestazione erano presenti i presidenti di Piemonte e Consiglio regionale, Sergio Chiamparino e Mauro Laus, il viceprefetto Enrico Ricci, il comandante provinciale dei Carabinieri, Arturo Guarino, il vicequestore Alberto Bonzano, l'europarlamentare Daniele Viotti, parlamentari, esponenti dell'associazionismo Lgbt, sindacati e anche la candidata a sindaco del Movimento 5 Stelle, Chiara Appendino.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • Investita da un'auto impazzita alla fermata del bus, è in condizioni gravi

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

Torna su
TorinoToday è in caricamento