Juventus - Dinamo Zagabria: arrestati tre tifosi croati

La tifoseria della Dinamo Zagabria ha creato scompiglio in città prima della partita e allo stadio

Immagine di repertorio

Le tensioni hanno contraddistinto l’incontro di Champions League tra Juventus e Dinamo Zagabria. Per oltre metà giornata, quella di mercoledì 7 dicembre, le forze dell’ordine sono state costrette a intervenire per evitare che le due tifoserie entrassero in contatto sia in città sia davanti ai cancelli dello stadio.

Infine è scoppiata anche una rissa, tutta interna, tra gli stessi sostenitori della Dinamo. A fine giornata la Digos ha tratto in arresto tre tifosi della Dinamo Zagabria, tutti croati. Sono stati arrestati per le intemperanze della tifoseria croata verificatesi nelle aree di prefiltraggio dello Juventus Stadium. 

Fermati un 24enne e un 18enne per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, mentre ad un altro 24enne, invece, è stato contestato il reato di porto di oggetti atti ad offendere. 

Alcuni tifosi irruenti sono arrivati mercoledì pomeriggio alla stazione di Porta Susa, hanno attraversato le vie del centro a piedi, facendosi riconoscere e sentire, finché non si sono fermati in piazza San Carlo dove hanno fatto scoppiare anche alcuni petardi.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • "Quando la bicicletta non sta sul balcone"

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Auto esce di strada e si schianta contro un albero, medico grave in ospedale

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

Torna su
TorinoToday è in caricamento