Crepe post-terremoto, il sindaco di Inverso Pinasca chiude il municipio

Il provvedimento a scopo precauzionale riguarda anche i servizi connessi, domani forse la revoca

Il municipio di Inverso Pinasca

Municipio chiuso per crepe post-terremoto.

La decisione è stata presa da Cristina Orsello, sindaco di Inverso Pinasca, comune di 700 abitanti della val Chisone vicinissimo all'epicentro della doppia scossa di terremoto (la più potente aveva una magnitudo di 3.9) che, la sera di sabato 30 luglio, ha fatto scendere in strada numerose persone.

L'ordinanza del sindaco ha scopo precauzionale e riguarda l'intero edificio, che ospita anche ambulatorio medico, ufficio postale e l'annesso palazzetto con ristorante.

Il terremoto ha provocato una perdita d'acqua dal piano superiore del caseggiato e anche alcune crepe nei muri.

E' possibile che il provvedimento venga revocato già domani: non ci sarebbero danni preoccupanti dal punto di vista strutturale.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento