Sopralluogo nell'area ex Dazio, il terminal dei bus si sposterà al Rebaudengo

Lapietra ha spiegato ai consiglieri della circoscrizione Sei come la situazione evolverà solo a partire dal prossimo giugno

Sopralluogo nell'area ex Dazio

Dalle occupazioni abusive dei camminanti sicialiani a quelle dei pullman.

L’incubo degrado sembra destinato ad abbandonare l’area ex Dazio di corso Giulio Cesare. La zona che un tempo ospitava il centro commerciale Palatinum diventerà la nuova casa del terminal bus. Attualmente collocato in corso Vittorio Emanuele II.

A stabilirlo, al termine di un sopralluogo, è stata l’assessore alla Mobilità della Città Maria Lapietra che ha incontrato cittadini e consiglieri di Circoscrizione.

Il tutto prenderà piede dal prossimo giugno, causa costruzione del centro congressi e della galleria commerciale sui terreni dell’ex Westinghouse.

Il riutilizzo del piazzale permetterà di rilanciare l’area. Per andare in centro i cittadini utilizzeranno la linea 4 del Gtt.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Avatar di m
    m

    chi pensa queste cose sono dei veri geni, non è una zona sufficientemente servita da bus metropolitana assente e per fare lì il terminal bus

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Travolto da un furgone mentre si allena in bici, imprenditore muore al Cto

  • Cronaca

    Primo giorno per il Barattolo in via Carcano: arrivano 350 espositori

  • Cronaca

    Si denuda al parco davanti a bimbi, mamme e nonne: arrestato

I più letti della settimana

  • Crolla il cavalcavia a Fossano, schiacciata un’auto dei carabinieri

  • Scontro tra un bus e un'auto a Chivasso, perde la vita una donna

  • Cadaveri di marito e moglie in casa: sono morti a breve distanza l'uno dall'altra

  • E' morto il religioso investito dal tram: era del collegio Sacra Famiglia

  • Investita mentre attraversa la strada, donna trasportata al Cto

  • Travolto da un furgone mentre si allena in bici, imprenditore muore al Cto

Torna su
TorinoToday è in caricamento