Colpisce il rivale con un cacciavite e lo manda all'ospedale: arrestato per tentato omicidio

Nell'ambito del racket della prostituzione

immagine di repertorio

Una lite tra albanesi avvenuta la notte dello scorso 15 agosto 2019 ha portato al ferimento grave (due mesi di prognosi) di uno dei due contententi e all'arresto del secondo, diversi giorni dopo l'episodio, avvenuto in corso Traiano.

L'aggressore, Armando Meta, 28 anni, ha colpito l'altro alla testa con un cacciavite per almeno due volte. La vittima ha riportato un trauma cranico con aneurisma all’arteria meningea media.

Gli agenti della squadra mobile, coordinati dal pm Patrizia Gambardella, hanno scoperto che si è trattato di una lite per la gestione del mercato della prostituzione nella zona. Hanno arrestato l'aggressore in un appartamento di corso Francia. Difeso dall'avvocato Domenico Peila, l'uomo ha confessato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giudice per le indagini preliminari Adriana Cosenza ha poi convalidato l'arresto con l'accusa di tentato omicidio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento