"Il mio lavoro mi ha tradito": scrive una lettera ai familiari e si spara un colpo in testa

Imprenditore edile era rimasto senza commesse

La casa dove è avvenuto il tragico gesto

Ha scritto una lettera indirizzata alla moglie di 32 anni e alle sue bambine di 11 e cinque anni e poi si è sparato un colpo di pistola in testa nel tardo pomeriggio di sabato 19 agosto 2018.

Un piccolo imprenditore edile, italiano di 40 anni, residente a Campiglione Fenile, ha deciso di farla finita nell'appartamento di via Daniela 3 dove abitava con la famiglia. 

"Così non posso più andare avanti. Ho troppi debiti, il mio lavoro mi ha tradito", ha scritto. Era rimasto senza commesse e non sapeva come tirare avanti. Eppure ai familiari non aveva detto nulla, raccondando sempre di avere "tanto lavoro". Ha lasciato tutto in quella lettera.

Sull'accaduto indagano i carabinieri. L'arma era regolarmente registrata e detenuta.

suicidio-imprenditore-edile-strada-daniela-campiglione-fenile-camioncino-180819-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Scontro frontale sul rettilineo: auto distrutte, morti entrambi i conducenti

  • L'ex miss Italia e madrina di Torino 2006 investita: necessario intervento al naso

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • In tribuna allo Stadium, occhiali rotti e ferita allo zigomo per una pallonata

Torna su
TorinoToday è in caricamento