"Il mio lavoro mi ha tradito": scrive una lettera ai familiari e si spara un colpo in testa

Imprenditore edile era rimasto senza commesse

La casa dove è avvenuto il tragico gesto

Ha scritto una lettera indirizzata alla moglie di 32 anni e alle sue bambine di 11 e cinque anni e poi si è sparato un colpo di pistola in testa nel tardo pomeriggio di sabato 19 agosto 2018.

Un piccolo imprenditore edile, italiano di 40 anni, residente a Campiglione Fenile, ha deciso di farla finita nell'appartamento di via Daniela 3 dove abitava con la famiglia. 

"Così non posso più andare avanti. Ho troppi debiti, il mio lavoro mi ha tradito", ha scritto. Era rimasto senza commesse e non sapeva come tirare avanti. Eppure ai familiari non aveva detto nulla, raccondando sempre di avere "tanto lavoro". Ha lasciato tutto in quella lettera.

Sull'accaduto indagano i carabinieri. L'arma era regolarmente registrata e detenuta.

suicidio-imprenditore-edile-strada-daniela-campiglione-fenile-camioncino-180819-2

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Tragedia nella serata: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

Torna su
TorinoToday è in caricamento