Il chitarrista gettatosi dal ponte non ce l'ha fatta: è morto in ospedale

Agonia durata poche ore

Gli inutili soccorsi per salvare il chitarrista, morto poi in ospedale

È durata poche ore l'agonia del chitarrista italiano di 56 anni residente a Viù che nel pomeriggio di ieri, lunedì 4 marzo 2019, si è gettato dal ponte di via Roma a Lanzo Torinese, piombando sulle pietre sulla riva del fiume Tesso.

I medici dell'ospedale Cto, dove era stato trasportato in elisoccorso dopo l'accaduto, sono riusciti a tenerlo in vita soltanto per poche ore: il decesso è avvenuto intorno alle 20,30. Inizialmente sembrava non essere in pericolo di vita, ma poi le sue condizioni sono precipitate.

L'uomo era conosciuto da diverse persone nella zona e non e aveva anche diverse collaborazioni nell'ambiente musicale.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • La salute prima delle vacanze, boom di check-up al Koelliker

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nella caserma degli alpini: militare trovato impiccato alla tromba delle scale

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Seconda giornata di maltempo: la tromba d'aria si sposta, altri danni

  • Due auto e una moto si scontrano: feriti i tre conducenti, strada chiusa

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento