Suicida nel canale, i familiari accusano l'ospedale: "Non avrebbero dovuto dimetterlo"

Soffriva di problemi psichiatrici

L'intervento per il suicidio dello scorso 20 marzo nel canale Meana

Toccherà alla magistratura verificare se ci sono responsabilità dei medici dell'ospedale Maria Vittoria nel suicidio dell'italiano di 41 anni residente in città il cui corpo fu trovato nel canale Meana, in corso Umbria, la mattina dello scorso 20 marzo 2019.

L'uomo, che soffriva di problemi psichiatrici, era stato dimesso poco prima e i suoi familiari, secondo la querela presentata dal fratello, assistito dall'avvocato Mauro Anetrini, non li avevano avvisati.

Il fratello, quella stessa mattina, aveva poi ricevuto un messaggio con scritto "Perdonatemi". Troppo tardi per poterlo salvare. Secondo il suo punto di vista, i sanitari dell'ospedale avrebbero sottovalutato le condizioni psichiatriche del paziente nel disporre le sue dimissioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I familiari hanno chiesto che venga aperto un fascicolo per omicidio colposo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Bimba di sette anni morsa da una vipera mentre passeggia con i genitori: è grave

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

  • Mascherine obbligatorie questo fine settimana anche all'aperto, ma solo nei centri abitati

Torna su
TorinoToday è in caricamento