Truffatori itineranti scoperti grazie a una carta ricaricabile: coppia denunciata

I due sono stati individuati all’interno di un bed and breakfast del Canavese

Le carte poste sotto sequestro

Denunciati, per una serie di truffe online legate alla vendita di smartphone,due disoccupati senza fissa dimora dai carabinieri della Stazione di Strambino. I due, una coppia, sono stati individuati all’interno di un bed and breakfast del Canavese alcuni giorni dopo aver truffato un tabaccaio, ma le truffe messe a segno sono almeno più di cinque. Dopo aver ricaricato, nella tabaccheria, una carta prepagata, i due sono riusciti a dileguarsi senza corrispondere alcun compenso al negoziante. Nell’occasione avevano esibito una carta di pagamento “vuota”, si erano allontanati dall’esercizio “per prelevare il contante”, ma senza mai farvi ritorno.

La metodologia itinerante dei truffatori (33 anni lui, pregiudicato di Montalto Dora, 29 anni lei, titolare di segnalazioni di polizia, originaria di Podenzana), intenti sempre ad alloggiare per brevissimi periodi in diverse strutture ricettive del Torinese, ne rendeva infatti difficoltosa l’individuazione. 

La perquisizione 

Immediatamente è scattata la perquisizione delegata dalla Procura di Ivrea. Sono state ritrovate, nella loro disponibilità, 4 carte prepagate su cui erano state effettuate numerose ricariche per un importo complessivo di circa 5 mila euro. L’operazione si è conclusa con il sequestro delle carte prepagate e il conseguente deferimento in stato di libertà dei cyber-truffatori. 

Le vittime dei cyber-truffatori 

La tecnica era sempre la stessa e le numerose vittime truffate, sperando di entrare in possesso del pubblicizzato smartphone di ultima generazione (iphone X), non riuscivano mai a ottenere il desiderato apparecchio elettronico pur avendo effettuato un pagamento di un importo variabile tra i 500 e i 680 euro. L’attività investigativa è tuttora in corso e non sono da escludere  ulteriori sviluppi sia in relazione al compimento di altre attività illegittime sia con riferimento all’individuazione di complici.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Trasporto pubblico locale, in arrivo una giornata di sciopero: possibili disagi

  • Si lancia dal settimo piano del palazzo: morto

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

  • Offerte di lavoro e stage alla Magneti Marelli: le posizioni aperte 

  • Suv si schianta contro un muretto: dopo gli accertamenti scatta il sequestro del veicolo  

Torna su
TorinoToday è in caricamento