No Tav, Stefano Esposito a processo per diffamazione contro attivisti

A muovere le accuse uno scritto pubblicato sul blog del senatore ai danni di quattro attivisti - esponenti Askatasuna - che avrebbero attaccato la polizia durante gli scontrin in Val Susa

Dovrà rispondere del contenuto pubblicato sul suo blog, il senatore Stefano Esposito (Pd), imputato nel processo a Torino per il reato di diffamazione ai danni di quattro attivisti No Tav.

Lo scritto, pubblicato l'8 dicembre 2011, riguardava alcuni esponenti del centro sociale Askatasuna, radunatosi per attaccare la polizia in Val Susa proprio nella stessa giornata. Aveva poi augurato - citando nomi e cognomi - che chi aveva pianificato e diretto le azioni violente, venisse perseguito a norma di legge.

Quattro degli attivisti, che non furono mai coinvolti nell'inchiesta sugli incidenti, presentarono una querela e la procura incriminò il senatore: ora, gli stessi, si sono costituiti parte civile.

Secondo quanto ritenuto dalla difesa, le parole del parlamentare, conterrebbero valutazioni politiche di carattere generale e non sarebbero diffamatorie.

La causa, nel frattempo, è stata rinviata al 10 marzo prossimo

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Primo giorno per il Barattolo in via Carcano: arrivano 350 espositori

    • Cronaca

      Si denuda al parco davanti a bimbi, mamme e nonne: arrestato

    • Cronaca

      Il Carrefour di Trofarello non chiuderà, ma diventerà un discount

    I più letti della settimana

    • Crolla il cavalcavia a Fossano, schiacciata un’auto dei carabinieri

    • Scontro tra un bus e un'auto a Chivasso, perde la vita una donna

    • Cadaveri di marito e moglie in casa: sono morti a breve distanza l'uno dall'altra

    • E' morto il religioso investito dal tram: era del collegio Sacra Famiglia

    • Investita mentre attraversa la strada, donna trasportata al Cto

    • Ciclista travolto da un tram: in coma in ospedale

    Torna su
    TorinoToday è in caricamento