Allontanato dalla casa per le violenze sessuali alla moglie, si ripresenta e viene arrestato

La figlia ha chiesto aiuto

immagini di repertorio

Un moldavo di 47 anni è stato arrestato dalla polizia la sera di giovedì 28 novembre 2019 per atti persecutori nei confronti dell'ex moglie. Si è presentato nella casa di via Cossa dove la donna vive con la figlia, che ha immediatamente chiamato le forze dell'ordine non appena lo ha sentito suonare il campanello.

Nell'abitazione vivono anche un'altra figlia e la suocera dell'uomo, che però a quella casa non può più avvicinarsi, essendo stato colpito da un divieto del tribunale dallo scorso luglio 2019, dopo una vicenda che lo vede accusato di violenza sessuale e maltrattamenti nei confronti dell'ex consorte, per cui ha già trascorso qualche giorno in carcere.

Nei giorni precedenti l'uomo aveva mandato messaggi con minacce di morte alla donna e aveva anche perseguitato le due figlie chiedendo ripetutamente loro di avvicinarsi alla casa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia familiare, disabile uccisa a martellate dalla madre

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • In corto la presa dell'albero di Natale: appartamento distrutto da un incendio, salvati mamma e bimbi

Torna su
TorinoToday è in caricamento