Parking Galileo, il posteggio si farà: "Le gallerie non dovevano trovarsi lì"

Secondo i tecnici della Soprintendenza, le cartografie non darebbero una visione certa di ciò che si trova nel sottosuolo: i resti rinvenuti, infatti, avrebbero dovuto trovarsi in una posizione più marginale rispetto a dove effettivamente sono stati rinvenuti

"Sapevamo delle gallerie della Cittadella, ma non conoscevamo nè la posizione precisa nè il loro stato di conservazione". Si giustifica così la Soprintendenza ai Beni Archeologici, dopo le accuse avanzate sull'ordine dei lavori del parcheggio in corso Galileo Ferraris, dopo che Comitato Pietro Micca, Lega Nord e Sel hanno presentato un esposto in Procura per risalire alle responsabilità di chi abbia effettivamente concesso l'autorizzazione agli scavi per il parcheggio interrato. Parcheggio che, guerriglie cittadine a parte, verrà comunque realizzato, pur con l'intenzione di salvaguardare le gallerie rinvenute che rappresentano, parole della Soprintendenza, "una visione completa del sistema del Rivellino". Un patrimonio, dunque, degno di essere messo a diposizione del pubblico.

Quanto alle autorizzazioni la Soprintendenza parla chiaro, ammettendo che a seguito di uno studio preliminare del Politecnico di Torino e di altrettanti 4 sondaggi preliminari effettuati nel 2009, la situazione emersa a suo tempo non era tale da porre un diniego al progetto del parcheggio interrato di corso Galileo Ferraris. Tali studi, infatti, avevano evidenziato la presenza di muri marginali, più esterni rispetto al punto in cui sono stati effettivamente rinvenuti, di fatto nell'invaso del parcheggio. In parole povere? Le cartografie non danno una visione certa dei resti che si possono trovare nel sottosuolo e del loro stato di conservazione, pertanto non è possibile fare affidamento a queste per delle valutazioni in ordine a progetti interrati. Almeno questo è il parere della Soprintendenza, sballottolata tra il dover conservare e valorizzare il patrimonio storico e consentire comunque alla città di procedere nel proprio processo evolutivo.

Parole, quelle dei tecnici, non del tutto soddisfacenti per la Lega Nord: "Le mappe mostrano le gallerie - afferma Fabrizio Ricca, capogruppo leghista in Sala Rossa - e lì non si doveva scavare. Qualcuno deve pur aver autorizzato i lavori e ha delle responsabilità per ciò che le ruspe hanno distrutto. Le valutazioni sono state superficiali e noi vogliamo chiarezza".

Quanto al parcheggio si farà e su questo non c'è dubbio: probabilmente potrà essere ridotto o rimodulato al fine di conservare i reperti rinvenuti e garantire comunque l'accesso al Pastiss, ma, parole dell'assessore alla Viabilità Lubatti, ormai l'accordo con l'impresa c'è, il business plane è stato stilato, e da lì non si scappa.

Ora, tuttavia, bisognerà vedere se il nuovo progetto sarà in grado di mettere d'accordo tutti: Soprintendenza, Comune e Comitato Pietro Micca che, invece della auto, in corso Galileo Ferraris preferirebbe tanto di più un parco archeologico.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Le gallerie che colà si trovano da circa trecento anni, non avrebbero dovuto trovarsi lì. Naturalmente, ora, daranno la "colpa" alle gallerie! Curioso! E l'assessore Lubatti, duro e puro come non mai, continua imperterrito per la strada tracciata. Assessore, voglio ricordarLe che, pur esistendo un accordo con l'ìmpresa, è sempre possibile "scappare" in presenza di valide motivazioni! La costruzione di quell'obbrobrio firmato Fuksas, dedicato alla regione Piemonte, e le conseguenti manovre che si nascondono dietro ai fatti legati alla costruzione stessa, non Le ha insegnato nulla?

  • tanto quando avranno finito renvenat rupera' pi nen le bale

  • Avatar anonimo di Xander
    Xander

    e prima non si potevano fare scavi per accertarsi di cosa ci fosse sotto? Secondo me è stata la fretta di iniziare i lavori per non perdere qualche finanziamento o nascondere la magagna.

  • Che aquile! Sempre tendenti a fare le cose con approssimazione, senza esattezza e precisione.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Esce per le compere e viene uccisa: il suo cadavere trovato nei giardini della chiesa

  • Cronaca

    Già espulso, per evitare il controllo colpisce un poliziotto e cerca rifugio nel supermercato

  • Cronaca

    Ridotta in schiavitù e costretta a mettere il velo: scappa e fa arrestare il suo compagno

  • Cronaca

    Colpi di fucile contro la pizzeria chiusa: era per costringere la titolare a vendere, un arresto

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • Doppio incidente nella notte: auto impazzita travolge tre persone, ferito gravemente il conducente

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Giornata di passione per il trasporto pubblico: quattro ore di sciopero

Torna su
TorinoToday è in caricamento