Perseguita la ex, lei va a casa sua per un chiarimento e lui la stupra puntandole una pistola

Arrestato storico sicario della mafia

immagine di repertorio

Salvatore Parisi, 65 anni, reo confesso di 16 omicidi di mafia e diventato collaboratore di giustizia, è stato nuovamente arrestato nella mattinata di ieri, mercoledì 10 aprile 2019, con l'accusa di avere stuprato la sua ex compagna dopo averla perseguitata per lungo tempo. Per costringerla ad avere un rapporto sessuale con lui, secondo l'accusa, l'avrebbe minacciata con una pistola puntata. L'uomo è difeso dall'avvocato Carlo Cavallo.

Parisi, sicario professionista del clan dei catanesi, si era pentito 35 anni fa. Era tornato libero proprio in virtù della sua collaborazione con la giustizia.

A fine 2018, però, la compagna lo aveva lasciato e lui aveva iniziato a perseguitarla. A inizio mese lei si era recata a casa di lui per un chiarimento. Qui, secondo gli investigatori della squadra mobile che hanno eseguito l'arresto, sarebbe avvenuto lo stupro.

Potrebbe interessarti

  • Insalata di petti di pollo alla piemontese: una ricetta veloce, fresca e saporita

  • Bidoni della spazzatura, puliti ed igienizzati: addio cattivi odori

  • La mentuccia, l'erba aromatica buona e salutare

  • Il Barbecue perfetto:  6 regole fondamentali

I più letti della settimana

  • Autocisterna travolge bici, ragazza resta schiacciata sotto le ruote: morta

  • Scendono a cambiare la gomma a terra, passa un'auto e li travolge: due morti e un ferito

  • Addio a Sabino, una roccia sul ring e un papà dolcissimo

  • Tragedia nella notte: ucciso un uomo dopo un violento litigio

  • Caos in coda al concerto di Eros: 700 fan costretti a rimanere fuori

  • Accende il gas per preparare il caffé e la cucina esplode: ustionata una torinese

Torna su
TorinoToday è in caricamento