Sgomberato lo storico locale diventato un rifugio per disperati: murati tutti gli ingressi

Un'associazione lo recupererà

Un momento dello sgombero

Sgomberato l'Imbarchino, lo storico locale di proprietà comunale nel parco del Valentino, nella prima mattinata di oggi, giovedì 8 novembre 2018.

Gli agenti della polizia locale (comando San Salvario-Borgo Po e reparto operativo con unità cinofile) e i carabinieri della stazione San Salvario, vi hanno scoperto due immigrati extracomunitari che sono stati accompagnati al comando di via Bologna 74 per accertamenti.

Sul posto è intervenuta anche la direzione patrimonio del Comune di Torino i cui operatori hanno provveduto a riparare e chiudere gli ingressi per mantenere la struttura a disposizione degli assegnatari, ossia l'associazione Amici dell'Imbarchino, che si propone di ristrutturare l'edificio, ormai in stato di abbandono, e di inaugurarlo nuovamente entro la prossima primavera.

L'Imbarchino si era trasformato in una sorta di rifugio per disperati e altri senza dimora. La scorsa estate, però, era abitato da più persone.

sgombero-imbarchino-occupato-181108-1-2

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • una associazione ? quando leggo sta parola , mi vengono i brividi

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio all'ex Moi: trovato uomo con il cranio fracassato

  • Cronaca

    Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Cronaca

    La droga entra ed esce dal bar: nuovo provvedimento di chiusura, stavolta per un mese

  • Cronaca

    "Ho ucciso mio figlio con un cavo", ma per l'autopsia è morto per arresto cardiaco

I più letti della settimana

  • Follia in centro città: ferito un uomo con tre colpi d'accetta, aggressore in fuga

  • Spari in piazza: rapinato un furgone portavalori, ferita una guardia giurata

  • Nuvole su Torino, è attesa la neve

  • "Costretta ad assistere ai rapporti sessuali della mamma": donna e suo amante a processo

  • Colta da un malore in casa, mamma muore tre ore dopo: indagati sanitari dell'ambulanza e medico del pronto soccorso

  • Soffoca il figlio con un cavetto del computer poi chiama i carabinieri: “Venite a prendermi”

Torna su
TorinoToday è in caricamento