Ha sfigurato la ex compagna al volto per sempre: rischia una condanna a sei anni

Ha chiesto perdono in aula

I carabinieri davanti al pronto soccorso dell'ospedale di Ivrea

Rischia una condanna a sei anni di carcere Antonio Lago, 59enne di Chiaverano, ritenuto responsabile del tentato omicidio della ex fidanzata 31enne italiana residente a Vestigné, che da allora è rimasta sfigurata per sempre per uno sfregio al volto. La richiesta è stata formulata ieri, giovedì 14 febbraio 2019, dal pm Chiara Molinari nell'apertura del processo, che avviene con rito abbreviato davanti al giudice Ombretta Vanini, che pronuncerà la sentenza martedì 19.

La vicenda era avvenuta a metà maggio 2018. La vittima, difesa dall'avvocato Raffaella Orsello, porta ancora oggi i segni dello sfregio che dall'orecchio sinistro le arriva fino al mento. Aveva commesso l'errore di accettare un passaggio dall'uomo per farsi accompagnare al lavoro, a Strambino. Poco dopo era stata aggredita a bordo della Fiat Punto in una stradina di campagna. Poi lui aveva tentato di suicidarsi tagliandosi le vene. Entrambi erano finiti al pronto soccorso dell'ospedale di Ivrea e l'uomo era stato arrestato dai carabinieri. Oltre che di tentato omicidio, è accusato anche di sequestro di persona.

Lui, che ancora oggi si trova agli arresti domiciliari, le ha chiesto perdono in aula. La coppia ha anche una figlia piccola insieme, che l'uomo non vede da allora.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La tifosa non passa inosservata, ripresa dalle telecamere allo Stadium: ora ha migliaia di followers

  • Scontro auto-ambulanza all'incrocio: sei persone rimaste ferite

  • Arriva l'inverno: prima neve in città e brusco calo delle temperature

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

Torna su
TorinoToday è in caricamento