Crisi, sfratti in calo nel capoluogo: è la prima volta che succede dal 2009

I dati riguardano il primo semestre del 2015 e registrano un -5% rispetto allo stesso periodo del 2014. Lo ha comunicato il vicesindaco di Torino, Elide Tisi, a margine del Consiglio Comunale

Calano a Torino, per la prima volta dal 2009, gli sfratti per morosità. I numeri che si riferiscono al primo semestre del 2015 segnano infatti un -5% rispetto allo stesso periodo del 2014. Lo ha annunciato il vicesindaco di Torino, Elide Tisi, a margine del Consiglio Comunale. 

Nel 2014 gli sfratti per morosità sono stati 4693, un dato che riguarda l'intera area di competenza del Tribunale di Torino e comprende anche alcuni comuni della Città metropolitana. 
E per far fronte all’emergenza sfratti il Comune ha utilizzato diversi strumenti. Sono stati infatti assegnati 444 alloggi di Edilizia residenziale pubblica (ERP) mentre sono 320 i contratti stipulati con l’assistenza dell'agenzia Locare. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In calo, del 10%, anche il numero di domande presentate alla Cea (Commissione emergenza abitativa), che nel 2014 sono state 1.144. "Tra edilizia residenziale pubblica, contratti stipulati da Locare, housing sociale e sostegno all'abitazione, la Città ha sostenuto circa 2.800 famiglie - ha concluso Tisi -. Mentre altre 650 hanno beneficiato del Fondo di sostegno alla locazione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Pane, olio e altri beni primari con i prezzi gonfiati del 200%: denunciato titolare

  • Coronavirus, Università di Torino: "La carenza di vitamina D può aumentare i rischi di contagio"

  • Stanotte torna l'ora legale, lancette in avanti: "Un mix critico col Coronavirus"

  • Il virus si è portato via Franco il Baffo: la cittadina in lacrime per lo storico vigile, politico e sportivo

  • Coronavirus, nuova stretta della Regione: chiusi uffici pubblici e studi professionali fino al 3 aprile

Torna su
TorinoToday è in caricamento