Si mette a caccia dell'ex moglie e sfonda le porte delle camere d'albergo a calci: arrestato

Pedinamenti e minacce

immagine di repertorio

"Visto che ti ostini a non rispondere vengo e ti trascino per i capelli". È una delle tante minacce rivolte da un 52enne italiano, residente a Oulx, all’ex moglie, verso la quale era iniziato da febbraio 2019 una persecuzione fatta di invio di messaggi, pedinamenti e insulti. La donna aveva denunciato l'accaduto ai carabinieri della stazione cittadina.

L’uomo, in preda alla rabbia, era arrivato persino a presentarsi in un hotel del centro cittadino dove riteneva che la moglie stesse dimorando successivamente alla loro separazione, urlando il suo nome e incendiando un cassonetto di rifiuti posizionato nelle vicinanze. Aveva fatto irruzione nell'edificio sfondando con dei calci le porte di due camere d’albergo, al cui interno vi erano gli ignari clienti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari dell'Arma  lo hanno bloccato a metà marzo 2019 durante l’ennesimo appostamento nei confronti della donna, arrestandolo per atti persecutori. Il provvedimento è stato convalidato dal giudice e l'uomo ora è in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • L'eclissi penombrale della Luna Fragola: questa sera il vero spettacolo è nel cielo

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento