Viaggio tra l'abbandono e il degrado nei treni del deposito Lingotto

In attesa di essere demoliti, i treni del deposito del Lingotto possono essere rifugio di sbandati e vandali. Raggiungerli è facile, anche se pericoloso

La terra di nessuno. Nel cuore di Torino. Esiste un luogo, in città, diverso da ogni altro, frequentato praticamente da nessuno: è l’area di deposito dei treni della stazione Lingotto. Un immenso territorio, tra il Lingotto Fiere e gli ex mercati generali, nel quale le uniche persone autorizzate ad accedervi dovrebbero essere i ferrovieri. Ma così è davvero?

Per arrivare in quest’area, basta semplicemente arrivare in fondo ai binari della stazione Lingotto, accertarsi di non essere visti, e proseguire. Costeggiando il binario 9, si arriva in un immenso deserto, l’area di smistamento dei treni. E qui c’è la prima sorpresa. Sui binari si trova una grande quantità di rifiuti. Bottiglie, piattini di plastica, resti di cibo, sacchetti della spazzatura, cuscini. E chi più ne ha più ne metta. La seconda sorpresa è che i portelloni dei treni sono aperti. Alcuni spalancati. Entrare all’interno è facile come bere un bicchier d’acqua, e a quel punto l’ignoto intruso può fare quel che vuole. Imbrattare il treno, rubarne i suppellettili. O semplicemente dormirci dentro: questi vagoni sono qui in deposito, in attesa di essere smantellati. Un rifugio temporaneo ma sicuro, per tutti coloro che non hanno un tetto sulla testa.

Sono solo supposizioni, motivate dal fatto che comunque qualcuno deve essere entrato fer forza dentro i vagoni. In alcune carrozze mancano i cuscini e i materassini delle cabine. E poi ci sono i rifiuti, come in una discarica a cielo aperto: ed è difficile pensare che i ferrovieri vengano qui a scaricare il pattume. In un angolo sembra che ci sia anche il resto di un falò.

Sebbene, viene spiegato dalle Ferrovie, i controlli ci siano, l’area è vastissima, e trovare un’eventuale intruso non è facile. Certo si tratta di un rifugio rischioso: questa zona, anche se sprovvista di binari di corsa, può essere estremamente pericolosa per chi non la conosce bene. Ma, in fondo, se veramente eventuali vagabondi utilizzano i treni come dormitorio per i giorni di disperazione, allora, forse, sono loro più scaltri di chiunque altro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Qualità dell’aria, scatta il livello viola: bloccati tutti i veicoli euro 5

  • La folle corsa di due carri-attrezzi a 120 km/h: patenti ritirate ai conducenti, multe per 2.700 euro

  • Omicidio-suicidio nella villetta: marito uccide la moglie con un colpo di balestra e poi si toglie la vita

  • Scende dopo lo scontro con un'altra auto e viene investito: morto

  • Emergenza smog: continua lo stop a tutti i veicoli diesel fino agli Euro 5

  • Ragazza investita dal treno, morta: è stato un incidente. Circolazione ferroviaria bloccata

Torna su
TorinoToday è in caricamento